Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

Promozione: la parola ai vincitori, intervista a Carlo Renzi, allenatore della Pallacanestro Acqualagna

Ventisette vittorie e due sole sconfitte. Quattordici vittorie in altrettante trasferte. Venticinque vittorie consecutive. Questi sono solo alcuni dei numero della straordinaria stagione della Pallacanestro Acqualagna culminata con la promozione in Serie D Regionale. Decisiva la vittoria in gara 3 nella finale contro la Lupo Pesaro, che con la vittoria sul campo di Acqualagna in gara 1, aveva messo a serio rischio i sogni di vittoria di Beligni e compagni. Ripercorriamo le tappe più importanti di questa grande cavalcata insieme a coach Carlo Renzi.

- Buongiorno Carlo, la promozione è stato il coronamento di una grande stagione.
"Il campionato è iniziato con una sconfitta interna contro il Basket Durante Urbania, probabilmente perchè non eravamo ancora pronti, ma da lì in avanti non ci siamo mai fatti trovare impreparati ed abbiamo sempre spinto al massimo. Abbiamo affrontanto ogni partita senza guardare mai la classifica, mettendo in campo concentrazione ed intensità, e credo che il risultato che abbiamo conquistato sia stato ampiamente meritato."

- Avete dominato il campionato, come sei riuscito a mantenere sempre alta l'attenzione dei tuoi ragazzi?
"La sconfitta nella gara d'esordio ci è servita per tenere alta la concentrazione durante tutta la regular season. Il Basket Durante Urbania è stato sempre a stretto contatto con noi, e per vincere la regular season, abbiamo dovuto sempre spingere al massimo. Anche nella finale playoff la sconfitta in gara 1 contro la Lupo Pesaro ci è servita per affrontare con la massima concentrazione le altre due partite, contro una squadra che negli ultimi anni era arrivata sempre in fondo. Al di la di questo comunque io sono unn allenatore che chiede sempre il massimo alle proprie squadre, alleno sempre allo stesso modo indipendentemente dalla categoria e dal campionato che dobbiamo affrontare; e ciò ha aiutato a non mollare mai la presa."

- Nonostante le due sole sconfitte subite durante tutto l'arco della stagione, hai mai temuto di poter perdere questo campionato?
"Sono sempre stato molto sereno e tranquillo. Sono abituato a vivere e pensare ad una giornata alla volta. Abbiamo preparato al meglio ogni singola partita, e giorno dopo giorno abbiamo costruito i nostri risultati. Il gruppo già lo scorso anno era arrivato in semifinale, per cui avevo in mano dei ragazzi che erano assolutamente competitivi per questo campionato. Uno dei meriti maggiori è stato quello di esserci allenati sempre al massimo, e di essere riusciti a trasferire in partita ciò che avevamo preparato in allenamento."

- La società ha già annunciato la tua riconferma per la prossima stagione. Che squadra avete in mente di costruire?
"La nostra intenzione è quella di riconfermare in blocco il gruppo che ha vinto questo campionato, integrandolo con un paio di giocatori che abbiamo punti nelle mani. Sono sicuro che con i giusti innesti riusciremo a farci trovare pronti per disputare una buona stagione."

- A chi ti senti di dedicare la vittoria del campionato?
"Innnazi tutto alla società per quello che ha fatto durante tutto l'arco della stagione. Mi sono trovato molto bene con tutti e questo è stato importante. Poi mi sento di fare un ringraziamento importante a tutti i ragazzi per l'impegno e la disponibilità che hanno avuto fin dal primo giorno"

Giuseppe Contigiani


Social

© Riproduzione riservata