Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

Serie C Silver: arriva la prima importante conferma per Il Campetto Ancona

Dopo un tris di under ecco il primo tassello senior per Il Campetto Ancona edizione 17/18. Vestirà la canotta bianconeroverde il lungo Lorenzo Baldoni, giocatore che ha bisogno di poche presentazioni in quanto ormai ha raggiunto la maturità tale da poterlo collocare tra gli atleti più esperti e forti dell’intero panorama cestistico regionale e non solo. Per Baldoni si tratta di una conferma con Il Campetto visto che ha giocato le ultime due stagioni con la squadra del Presidente Martelli, e si tratta di aver inserito nel nuovo roster a disposizione di coach Maurizio Marsigliani un elemento di grande qualità che va a riempire lo spot 4/5 all’interno dell’organico dorico. Da pochi giorni varcata la soglia dei trent’anni, l’anconetano Lorenzo Baldoni è un altro prodotto del vivaio della Stamura. Raggiunge prestissimo la prima squadra, percorso inevitabile visti i centimetri a disposizione e la grande futuribilità che viene giustamente riposta sul ragazzo. Debutta in B1 con la maglia biancoverde nel 2006, nella stagione 07/08 acquisisce ancor più fiducia e contribuisce in maniera determinante alla cavalcata della squadra allenata da Piero Coen fino alla finale playoff persa in gara-5 contro Jesolosandonà. Rimane ancora un anno con la Globo, raggiungendo la tranquilla salvezza nell’allora DNB, e poi passa a Recanati che non nasconde le sue ambizioni e punta forte sul giocatore di Pietralacroce.

Nella Città della Poesia ha come allenatore Maurizio Marsigliani e nasce un rapporto di fiducia e stima reciproca che si manterrà costante da li in avanti. Nella stagione 10/11 altro trasferimento, Baldoni va a Civitanova dove rimane anche l’anno successivo. Biennio ancora in B dove il tassametro dell’esperienza di Baldoni sale in maniera vertiginosa. Nel frattempo la “sua” Stamura è finita proprio nelle buonissime mani di Marsigliani che al primo anno fa centro e la riporta in Serie B. L’equazione è talmente facile che rimanda Baldoni alla casa madre stamurina. Stagione 2012/13 ancora un ottimo campionato di B per “Baldo” cardine della formazione dorica capace di raggiungere una comoda salvezza che purtroppo non potrà essere mantenuta con lo storico sodalizio anconetano costretto a rinunciare e a iscriversi alla C Regionale. Per Baldoni allora altro giro con la valigia in mano e si torna a Civitanova. Nel campionato 14/15 fa parte del progetto Falconara Basket dove trova l’attuale DS bianconeroverde Montanari. Squadra che vince a mani basse la C Regionale e va in B con Baldoni ancora, manco a dirlo, protagonista. Nell’estate 2015 Baldoni sposa l’affascinante progetto de Il Campetto con Montanari dietro la scrivania e l’amico coach Alessandro Del Pesce in panchina. Due anni con la giovane squadra anconetana dove le qualità del lungo maglia nr.9 si rivelano come arma fondamentale per l’intero rendimento della squadra.

Atleta devastante in area verniciata, movimenti spalle a canestro da manuale e un tiro da fuori mortifero tale da renderlo quasi immarcabile per la maggior parte dei suoi avversari, Baldoni è già pronto (si è costantemente allenato in estate prima della meritata e vacanza sulle Dolomiti) per la nuova affascinante e stuzzicante avventura.
“Mi fa molto piacere essere rimasto - dice Baldoni - e soprattutto far parte di questo progetto. Mi piace poter pensare di essere utile per provare a riportare il basket di Ancona nei piani alti a livello nazionale. Sarà comunque una stagione molto impegnativa, la squadra è forte e attrezzata e l’obbiettivo è dichiaratamente quello di arrivare a giocarci le nostre carte nella Fase Interregionale. Se riusciremo a qualificarci troveremo poi altre squadre costruite per fare il salto di qualità e quindi sarà altrettanto difficile ma allo stesso tempo stimolante. Mi auguro che fin dall’inizio il pubblico anconetano risponda presente e capisca che per riportare il basket dorico in alto c’è bisogno di tutti. “
BENVENUTO A BORDO “BALDO”

Ufficio Stampa Il Campetto Ancona

 

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: