Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

Serie C Silver: nuovo giorno nuovo annuncio, ecco il quinto componente de Il Campetto Ancona

Altro tassello inserito nel mosaico di coach Marsigliani. Il Campetto Ancona edizione 17/18 avrà all’interno del suo roster la classe e forza di Matteo Redolf che affianca così il suo nome al progetto voluto dalla Società bianconeroverde per rilanciare il basket di Ancona.
Come Baldoni anche Redolf è ormai un veterano dei campi nonostante l’età più giovane rispetto al compagno di squadra. Anconetano, classe 1993, il basket nel sangue da sempre. Cresciuto nelle giovanili della Stamura, Matteo di mette in mostra sin dal periodo delle under come un giocatore dal talento cristallino incastonato su ottimi mezzi fisici. La trafila delle giovanili, la partecipazione a Finali Nazionali con un gruppo di grande valore (con Mattia Magrini e Fabio Giampieri tanto per fare due nomi) e il naturale sbocco in prima squadra. Succede nel 2010 quando la Stamura riazzera e disputa la Serie B con una squadra giovanissima che pur retrocedendo riscuote consensi ogni domenica.

Redolf fa parte del gruppo anche nella stagione 11/12 in Serie C Dilettanti, ed è li anche l’anno dopo quando si trova come allenatore proprio Maurizio Marsigliani. La Stamura vince il campionato e risale in B e Matteo Redolf è uno degli artefici di quell’impresa. Nel campionato 12/13 il giocatore anconetano rimane ancora in biancoverde e disputa una grande stagione finendo sui taccuini di parecchi talent scout. Arrivano per lui anche le chiamate nella Nazionale Under 20 in alcuni raduni collegiali, è la definitiva consacrazione di un giocatore predestinato a diventare grande. La Stamura si salva sul campo ma deve suo malgrado rigettare l’iscrizione e ripartire dalla Serie C Regionale. Una categoria che non può essere nelle corde di un giocatore sulla rampa di lancio come Redolf. Estate 2013 ecco la chiamata della Poderosa Montegranaro che non nasconde le ambizioni e ripone sul ragazzo anconetano molte aspettative. Sarà però un’annata travagliata, a dicembre arriva anche il cambio di guida tecnica e Redolf ha problemi di continuità alternando ottime prestazioni ad altre meno brillanti.

Nella stagione successiva Matteo lascia Montegranaro per vestire i panni della Robur Osimo dove rimarrà per due anni diventando leader dello spogliatoio e mettendo ancora in mostra le sue doti che appaiono spesso un crack per la categoria. Chiuso il biennio sotto le Cinque Torri osimane ecco il ritorno ad Ancona, sponda Il Campetto che confida sulla classe di Redolf per ambire in alto. Un buon campionato, ottima soprattutto la seconda parte dove Matteo risulterà un vero e proprio fattore decidendo più volte le sorti delle partite. Fisicità e atletismo che possono permettergli di giocare in più ruoli all’interno del campo, un innato fiuto del canestro che lo rendono tra gli attaccanti più temibili, il tutto aggiunto a una serietà e professionalità di assoluto livello con Redolf pronto adesso a giocarsi le sue carte per la nuova scommessa bianconeroverde.

“Sono molto contento e determinato - dice Redolf - per questa nuova avventura. Mi fa molto piacere essere stato inserito in questo progetto che ritengo davvero interessante e che possa riportare il basket di Ancona a un buon livello. Gli ingredienti per fare bene ci sono, la Società sta allestendo un’ottima squadra e personalmente sto aspettando soltanto il momento di tornare in palestra e allenarmi con i miei compagni.”
BENVENUTO A BORDO "RUDY"!!!!

Ufficio Stampa Il Campetto Ancona

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: