Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

Serie C Silver: Il Campetto Ancona chiude il mercato con un altro grande colpo

Punto esclamativo nel mercato de Il Campetto Ancona. La Società bianconeroverde firma infatti l’esperto esterno Fabio Ruini, aggiungendo quindi una debordante quantità di esperienza e talento all’interno di un organico già piuttosto ben fornito. Con l’acquisizione di questo giocatore il roster che da lunedì 21 agosto inizierà a lavorare agli ordini di Maurizio Marsigliani e del suo staff è praticamente completo. Mancano soltanto i nomi di alcuni under che si uniranno alla squadra per svolgere il periodo di preparazione in vista del campionato di Serie C Silver che inizierà il 1°ottobre.

Nato a Reggio Emilia il 10/01/1980, Ruini è un prodotto del vivaio della Virtus Bologna proprio come il fratello maggiore, Gabriele, che ha vestito la maglia de Il Campetto la scorsa stagione. Con le V Nere ha fatto la trafila delle giovanili (vinto lo scudetto Allievi 94/95) frequentando anche la prima squadra dalla stagione 97/98 a quella 99/00 dove ebbe come allenatore Ettore Messina e compagni di squadra del calibro di Danilovic, Nesterovic, Rigadeau (solo per citarne alcuni…) . 53 presenze in gare ufficiali e 26 punti segnati complessivamente in bianconero. La sua miglior prestazione il 2 novembre 1999, in Eurolega nella vittoria (96-70) contro gli ungheresi del Pecs dove il giovane Ruini realizzò 6 punti.

Nel suo triennio con la Virtus, allora targata Kinder, Ruini fu nella squadra capace di vincere un Campionato, un' Eurolega e una Coppa Italia. In quegli anni arrivò a vestire anche la maglia azzurra disputando il campionato Europeo Juniores ’98. Terminata l’esperienza bolognese Ruini inizia un lungo percorso che lo porterà a toccare molte piazze d’Italia. Nel 2000 è a Treviglio, due stagioni e poi passa in Legadue a Ferrara dove rimane per altri due campionati. Nel 2004 torna a Bologna nel progetto meteora della Virtus 1934, l’anno successivo arriva nelle Marche a Fabriano dove rimane fino al campionato 07/08 quando cioè i cartai cedono il titolo a Roseto. E Ruini prosegue idealmente quel rapporto andando proprio in Abruzzo (8.9 punti di media per gara, con il 41.8% da 2 ed il 39.9% da 3).

Nel 2009/10 è a Scafati sempre in Legadue. Scende di categoria nel 2010/11, a Latina in DNA (30 presenze, 408 punti realizzati) per poi approdare nella sua Reggio Emilia. Stagione 11/12 Ruini veste la maglia della Trenkwalder Reggio Emilia conquistando la promozione in Serie A1 (5.1 punti, 1.7 rimbalzi e 1.1 assist in 18 minuti di utilizzo medio in maglia biancorossa). Un buon rendimento che gli permette di giocare in A1 nell’anno successivo. Eccolo a Cremona dove gioca 18 partite per complessivi 109 minuti nel roster di Attilio Caja. Nel novembre 2013 scende a in DNB a Lugo dove resta due anni mettendo a segno 781 punti con il 50% da 2, il 35% da 3 e l’86% ai tiri liberi. Nel campionato 15/16 torna nelle Marche che ormai è diventata la sua casa, giocando proprio al Palarossini.

Ruini veste la canotta nel Falconara Basket (9.8 punti di media in campionato, 14.7 nei playoff con il 56% da 2, il 44% da 3 ed il 94% ai liberi aggiungendo anche 3.4 rimbalzi e 4.2 assist a uscita) raggiungendo la semifinale playoff. Nell’estate 2016 viene firmato dal Recanati in A2 ma per esigenze personali decide poi di non iniziare la stagione. A 36 anni infatti la famiglia e il futuro hanno priorità significative anche per un grande giocatore come lui. Ruini rimane quindi a Falconara che nel frattempo si è autoretrocessa in Serie C Silver. Per il giocatore reggiano una grande stagione con la media realizzativa di 19.4 punti a partita che lo fa capocannoniere del campionato.
Il Campetto si ritrova per le mani un giocatore di grande talento e di una esperienza senza eguali. Grande difensore, carisma, leadership e spirito di gruppo sono da sempre le sue caratteristiche unite alle doti di ottimo regista in grado di dettare il giusto timing ai compagni e di prendersi le dovute responsabilità in fase offensiva.

Garanzia certificata quindi per coach Marsigliani che potrà disporre di un giocatore in grado di occupare più ruoli sugli esterni e dare un contributo fondamentale all’interno dello spogliatoio bianconeroverde.
BENVENUTO A BORDO FABIO!!!

Ufficio Stampa Il Campetto Ancona

 


Social

© Riproduzione riservata