Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

Serie B Nazionale: Torneo Il Mare nel Canestro, nella prima semifinale Pescara batte Rimini

Pescara e Rimini aprono il weekend de “Il mare nel canestro” affrontandosi a viso aperto senza risparmiarsi. Leonzio è un fattore in un attacco molto ben bilanciato come quello degli abruzzesi (tutti a referto gli 8 scesi in campo già dopo 12′ di gioco) che può inoltre contare sulle “zingarate” di Caverni e sul buon impatto che ha avuto sulla gara Drigo. Rimini dal canto suo si aggrappa al suo totem Foiera (duello d’altri tempi con Capitanelli nel pitturato) per rimanere in scia di Pescara con tutto il resto della “beata gioventù” che fatica a trovare la via del canestro. Leonzio e Bedetti danno il +14 (38-24 al 19′) a Pescara con i riminesi che si affidano nuovamente alle esperte mani di Foiera per provare a rimanere in partita e interrompere il digiuno offensivo. Pescara avanti 38-27 a metà gara.

Rientra in partita Rimini dopo l’intervallo lungo. Un parziale di 8-1 ispirato da Busetto e dal solito Foiera riporta a -4 i “granchi”(39-35 al 22′) e costringe Rajola al time out. Nonostantequalche rimbalzo di troppo concesso in difesa, Pescara ritrova ritmo in attacco soprattutto con Bini. Capitanelli dalla lunga distanza risponde ai canestri di Foiera e Toniato mantenendo il vantaggio di Pescara in doppia cifra (56-44 al 30′). 
Rimini non molla, legge bene i raddoppi su Foiera e trova dalla lunga distanza il canestro con Busetto che ridà morale ai Crabs. Fiusco appoggia in contropiede il -8 e poco dopo concede il bis (58-52 Pescara a 7′ dal termine). Foiera, sempre lui, illumina l’attacco romagnolo mettendo in mostra anche una certa pericolosità da oltre l’arco (tre triple a segno) e trascina i suoi a -1 (58-57 quando mancano 5′ all’ultima sirena). Drigo va a schiacciare in contropiede, Caverni completa un gioco da tre punti, e Pescara (anche dalla lunetta) torna a mettere un piccolo margine di sicurezza tra sé e Rimini (70-65 a poco più di un minuto dal termine). Leonzio fissa il 72-65 con cui Pescara ha ragione di Rimini.

Amatori Pescara - Crabs Rimini 72-65 (19-16, 19-11, 18-17, 16-21)

Pescara: Di Giorgio, D’Eustachio 2, Grosso 4, Drigo 12, Bini 9, Bedetti 4, Caverni 10, Capitanelli 15, Leonzio 15, Del Sole. All. Rajola.

Rimini:
Galassi 2, Dolzan, Altavilla 2, Toniato 9, Tartaglia 2, Myers 5, Busetto 11, Fiusco 5, Moffa, Foiera 24, Sipala 5, Mladenov. All. Maghelli

Ufficio Stampa Pallacanestro Senigallia
 

 

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: