Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

D Regionale: intervista al golden boy del Montemarciano Basket, Alessandro Norato

Arrivato a Montemarciano lo scorso anno a metà campionato, il suo innesto ha dato la svolta al team di coach Simone Simoncioni. Estro, fantasia, ottimo difensore, finalizzatore. Con 14 punti ad "allacciata" si è guadagnato la conferma per la stagione che sta per iniziare. Nonostante in estate sia stato al centro di un lungo "corteggiamento" tra varie società, alla fine il ragazzo ha scelto di confermare i suoi "talenti" a Montemarciano. Signore e Signori stiamo parlando di Alessandro Norato.

Alessandro buongiorno e ben ritrovato con il bianco-blù addosso, una scelta non certo facile in estate visto che sei stato corteggiato da più società.
Ciao! Sono molto contento di giocare un’altra stagione a Montemarciano. Mi sono trovato bene e rimanere era la scelta più giusta da fare, per continuare a crescere e migliorare nel gioco, grazie ad un ambiente sereno e uno staff molto preparato.

L'essere al centro del "mercato" sicuramente per te è stato qualcosa di nuovo, tutto ciò è certamente frutto dell'ottima stagione che hai fatto a Montemarciano sotto la guida di coach Simone Simoncioni lo scorso anno.
Chi l’avrebbe mai detto! ahah. Ammetto che fa piacere ma se questo è successo, è sicuramente merito del Coach e dei miei compagni di squadra: da subito mi sono sentito parte del gruppo e Simone mi ha spinto a prendermi le mie responsabilità. Devo tanto a loro.

Ci dicono che Simone Simoncioni in allenamento ti "cazzia" come pochi ma che al tempo stesso sei stato uno dei punti fermi dello stesso coach per questo nuovo Montemarciano basket. Un coach esigente.
Si, diciamo che succede spesso ahah ma è un bene, perché vuol dire che ci tiene e vuole farmi crescere. E’ giusto che pretenda tanto dai giocatori. I risultati si vedono, non solo con me ma con tutti gli altri ragazzi in squadra. Ti spinge sempre a dare il massimo.

Si parte con una versione tutta nuova, una sorta di Montemarciano 2.0, una squadra profondamente rinnovata nel suo DNA,che corre, tira, difende. Che impressione hai?
Le prime impressioni sono state ottime, ma non avevo dubbi. Il gruppo è giovane, motivato e unito. Questo aiuta tanto in campo e si è visto nella prima amichevole contro l’Aesis. Mi piace vedere che tutti i compagni, dal più grande all’ultimo arrivato, corrono e difendono ogni azione. Inoltre quest’anno, ho ritrovato dei ragazzi con cui ho condiviso le giovanili alla Stamura ed è un piacere giocarci di nuovo assieme. I presupposti per fare bene ci sono tutti.

Quest'anno si "migra" al sud, un girone tutto nuovo "sconosciuto" a Te e alla società. Cosa né pensi del campinato che sta per iniziare.
Personalmente non vedo l’ora che si inizi. Vogliamo fare bene, troveremo squadre più esperte di noi, ma questo non sarà un limite. Abbiamo ampi margini di miglioramento, sia individuali che di gruppo. Andiamo avanti con la preparazione per farci trovare pronti il 6 ottobre.

Tu sei un "prodotto" Falconara Basket che si è messo in luce a livello govanile con la Stamura Ancona prima di iniziare la carriera senior. Carriera che ha visto il meglio di te lo scorso anno quando hai deciso di scendere a Montemarciano. Ti sei pentito della scelta?
Assolutamente no. La società mi ha dato fiducia in un periodo non facile per me e per questo sarò sempre grato. Avevo bisogno di un ambiente così: grazie ai ragazzi, mi sono sentito subito a casa e non è stato difficile entrare nei meccanismi di gioco. 

Montemarciano è sicuramente un "trampolino di lancio" per te e per altri tuoi compagni di squadra secondo il Ds Samuele Simoncioni il quale a più riprese con il Dirigente Accompagnatore Marco Troiani hanno ribadito che : "Norato ha le basi per essere un buon giocatore nei piani superiori." Condividi il loro pensiero?
Devo crescere tanto, ma la voglia di migliorarsi c’è. Sicuramente fare un buon campionato di serie D può essere un’occasione, un trampolino di lancio. Ma non è tempo di pensare a questo: ora lavoriamo in palestra preparandoci al meglio per questa stagione.

Ufficio Stampa Montemarciano Basket

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: