Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

D Regionale: verso l'esordio, Fabrizio Pasquinelli "Siamo carichi e non vediamo l'ora di iniziare"

Mancano poco più di 24 ore all'inizio del nuovo campionato di Serie D Regionale. Tra le squadre più attese del Girone A c'è sicuramente il Marotta Basket, che dopo la bella stagione scorsa, quando da neopromossa ha conquistato il quinto posto in regular season venendo eliminata al secondo turno playoff solamente in gara 5 dalla Pallacanestro Fermignano. Uno dei punti di forza della squadra allenata da coach Rinolfi e senza ombra di dubbio Fabrizio Pasquinelli, playmaker classe 1984, arrivato lo scorso anno a metà stagione dopo aver vestito nel girone di andata la maglia dell'Aesis Jesi. 

- Ciao Fabrizio, siete pronti per questo inizio di precampionato? Come è andata la preparazione?
"E' andato tutto bene, abbiamo lavorato forte e ci siamo preparati al meglio per affrontare questa nuova stagione. A Marotta si lavora bene, c'è un ambiente goliardico che ti permette di rendere al massimo senza troppe pressioni. Anche quest'anno siamo un bel gruppo e non vediamo l'ora di inziare."

- L'esordio vi metterà di fronte la squadra favorita del vostro girone, la Pallacanestro Fermignano. Subito un bel banco di prova per voi.
"Affrontiamo subito i più forti è vero. Tra l'altro è la squadra contro cui il Marotta lo scorso anno inizio e finì la stagione, avendola affrontata sempre nella prima giornata e nei playoff. Io credo che per noi sia positivo iniziare contro una squadra così forte, per le squadre costruite per arrivare fino in fondo all'inizio non sono mai la massimo. Noi non abbiamo particolari ambizioni, per cui la pressione sarà tutta su di loro. Affronteremo una squadra molto forte, che già lo scorso anno ha dominato la regular season, e che in estate si è ulteriormente rinforzata e completata, noi dovremo assolutamente giocare una partita ai limiti della perfezione per portare a casa la vittoria."

- Quale pensi possa essere il vostro ruolo nel campionato che sta per iniziare?
"Il nostro obiettivo è quello di fare meglio dello scorso anno, il che significa provare ad arrivare nelle prime quattro. Rispetto allo scorsa stagione abbiamo un "5" di ruolo come Vignoli che ci permetterà di avere pericolosità anche sotto canestro. E' vero che abbiamo perso uno dei migliori della passata stagione come Tagnani ma lo abbiamo sostituito come meglio non potevamo con Bongiorno. Nel ruolo di playmaker si alterneranno tre ragazzi molto promettenti come Paolini, Candelaresi e Angeletti; per cui credo proprio che abbiamo tutte le carte per fare davvero bene."

- Chi tra i tuoi compagni più giovani pensi possa sorprendere e disputare un buon campionato?
"Alberto Angeletti, il nostro playmaker. E' un classe 2000, ma sono sicuro che potrà fare davvero bene. Si allena anche con la Serie B di Senigallia, ha tanta voglia di fare e va sempre al massimo anche durante la settimana. Ha tutte le possibilità di ritagliarsi un ruolo importante."

- Ed invece quale pensi possa essere la sorpresa del campionato?
"Più che una sorpresa ti dico chi penso possa disputare un altro grande campionato. Il Basket Giovane Pesaro anche quest'anno metterà in mostra tanti giovani interessanti e renderanno la vitta difficile a tutti."

- Ed invece chi è la favorita?
"Qui non ho alcun dubbio. Il Fermignano ha tutte la carte in regola per vincere il campionato. Dalla loro avranno anche l'esperienza maturata lo scorso anno, oltre ad una squadra che in estate è migliorata ulteriormente."

- Chiudiamo su un giudizio sul percorso della nazionale italiana agli ultimi Europei.
"Io penso che gli azzurri abbiamo disputato un torneo in linea con le proprie possibilità, però devo confessarti che mi sono gasato tantissimo a vederli giocare. Con coach Messina hanno creato un bel gruppo, unito e pronto a lottare su ogni pallone. Mi sono divertito molto a vederli giocare."

Giuseppe Contigiani

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: