Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

Serie A: la Pallacanestro Cantù vince e diverte contro Cremona

Il debutto casalingo, in una stagione, è sempre un evento speciale. Per il neo capo-allenatore Marco Sodini e per la Pallacanestro Cantù, però, l’esordio stagionale tra le mura amiche è stato particolarmente emozionante, dal primo all’ultimo secondo di partita. Una prestazione, quella contro la Vanoli Cremona, a tratti perfetta da parte della Red October, capace di far emozionare un “PalaBancoDesio” non pieno ma comunque caldissimo. 97 a 80 il finale, con Cantù avanti di oltre 25 punti per gran parte del match. Un esordio da sogno per coach Sodini, serata da ricordare anche per Jeremy Chappell, autore di 24 punti (10/14 al tiro).

LA CRONACA
La partenza della Pallacanestro Cantù è a dir poco roboante, nei primi minuti di gara la Red October schiaccia sul piede dell’acceleratore con decisione, aggredendo la Vanoli con ferocia grazie ad una pioggia copiosa di triple. La prima del match la realizza il capitano, Chappell, caldissimo nella prima frazione. A ruota lo segue Culpepper, il quale manda a bersaglio una “bomba” nonostante un fallo subito. L’esterno di Memphis segna anche il libero aggiuntivo, portando in un lampo la Red October avanti 7 a 0. È una Cantù rovente: 12-4 dopo tre minuti e mezzo, Vanoli stordita dal talento e dalla grinta di Chappell. Tuttavia - grazie a due triple consecutive di Drake Diener - la Vanoli riesce ad accorciare, ricucendo lo strappo fino al -2 (12-10). Poi è di nuovo Red October, con Culpepper e Chappell indemoniati dall’arco dei tre punti. Il primo quarto termina 25 a 17 per i padroni di casa, favoriti da un’ottima percentuale da tre (50%).

Dopo le cinque triple realizzate nella prima frazione, la mano dei tiratori di Cantù non si raffredda: 30-17 dopo un minuto di secondo quarto. In avvio è Burns prima e Crosariol poi, a ruggire nel pitturato avversario, trascinando la Red October sul +14 (36-22). Il vantaggio biancoblù aumenta, le fiammate di Burns e Smith permettono infatti a Cantù di affondare sul +18. Dopo un quarto d’ora di gioco locali avanti 40 a 22. Sul finire di primo tempo, a regalare i venti punti di vantaggio a Cantù è l’ultimo arrivato Michael Qualls, spettacolare quanto efficace nella metà campo offensiva. Sarà proprio il numero “24” canturino, poco dopo, ad azzannare il ferro con una schiacciata favolosa, degna di essere vista e rivista più volte. All’intervallo lungo gli uomini di coach Sodini rientrano negli spogliatoi con un rassicurante vantaggio: 53-35 al 20’.

Terza frazione da urlo della Red October, biancoblù in campo con gli occhi della tigre: +28 (63-35) dopo quasi tre minuti del secondo tempo, pubblico canturino in estasi. Nella seconda metà di gara è Crosariol a salire in cattedra, rubando la scena a compagni ed avversari con schiacciate, assist e stoppate. Cantù prende il largo, raggiungendo quota 70 punti con ancora quasi un quarto e mezzo da giocare. Il secondo tempo si conferma una raffica di triple, sia da una parte che dall’altra, favorendo però questa volta la Vanoli Cremona. Milbourne e Ruzzier ne piazzano due di fila, accorciando le distanze per coach Sacchetti. A circa un minuto dalla fine del terzo quarto la Red October vola sull’80 a 55, partita in discesa. Al 30’ padroni di casa avanti 82 a 59.

La quarta frazione vede Cantù entrare in campo applaudita dal proprio pubblico, incitata calorosamente da coach Sodini alla ripresa del gioco. È una Red October inferocita, ancora affamata nonostante l’ampio vantaggio: 89-61 al 32’, Desio in delirio. La squadra piace ed il popolo canturino ricambia il grande show con applausi scroscianti. Nell’ultimo periodo Cantù alza l’asticella, non solo in attacco ma anche in difesa, con capitan Chappell particolarmente ispirato in marcatura. I brianzoli macinano punti, senza sosta, 91 a 68 al 36’. La formazione canturina tiene saldamente le redini del gioco, chiudendo sul +17. Il finale dice 97 a 80 per la Red October: la valutazione più alta è quella di Culpepper (27), a referto con 17 punti, 7 rimbalzi e 7 assist. Ottima anche la partita di Crosariol, autore di 15 punti, 5 rimbalzi, 4 assist e 24 di valutazione.

RED OCTOBER CANTÙ-VANOLI CREMONA 97-80
(25-17, 28-18; 29-24, 15-21)

CANTÙ:
 Smith 10, Culpepper 17, Cournooh 5, Parrillo 2, Tassone, 0, Crosariol 15, Maspero 1, Raucci 0, Chappell 24, Burns 12, Qualls 7, Thomas 4. All. Sodini

CREMONA
: Johnson-Odom 8, Martin 17, Gazzotti 2, T. Diener 2, Ricci 14, Ruzzier 10, Portannese 0, Sims 4, Diener 10, Milbourne 13. All. Sacchetti

Ufficio Stampa Pallacanestro Cantù

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: