Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

Serie C Silver: parola a Marco Tombolini "Lavoriamo per dare alla società ed a Pedaso le soddisfazioni che meritano"

La Pallacanestro Pedaso si avvicina alla sfida contro il Nuovo Basket Fossombrone, uno dei big match della terza giornata di andata del campionato di Serie C Silver. E ci arriva con un bilancio in parità: alla sconfitta interna contro Urbania della gara d'esordio è seguita, infatti, la vittoria conquistata sul campo di Matelica. Uno dei protagonisti di questo inizio di stagione della formazione allenata da coach Ionni, è stato sicuramente Marco Tombolini, play classe 1987, capace di realizzare 16,5 punti di media nelle prime due uscite. Marco è arrivato in estate dalla Virtus Porto San Giorgio dove ha chiuso la scorsa stagione con oltre 15 punti di media a partita.

- Ciao Marco, iniziamo dalla bella vittoria conquistata a Matelica Sabato scorso. Un bel riscatto dopo la sconfitta subita in casa contro Urbania.

"E' stata una partita positiva sotto ogni punto di vista. Siamo stati intensi in attacco ed in difesa; e siamo riusciti anche a giocare in velocità che è la cosa che preferiamo fare. Sono stati due punti importanti che ci danno fiducia ed entusiasmo in vista delle prossime gare."

-Siete una squadra che in estate è stata completamente rivoluzionata, nuovo allenatore, tanti movimenti di mercato in entrata ed in uscita. Penso sia naturale che almeno all'inizio potreste avere degli alti e bassi.
"In preparazione abbiamo davvero lavorato tanto e bene. Siamo una squadra nuova e abbiamo, come è normale che sia in queste situazioni, bisogno di un pò di tempo per raggiungere l'equilibrio ideale. Sicuramente sarà necessario un periodo di assestamento dove avremo alti e bassi anche all'interno della stessa partita. Lo dimostra anche la gara che abbiamo giocato contro Urbania, dove siamo partiti benissimo, ma poi siamo calati nella parte finale, cosa che ci è stata fatale."

-Sabato affronterete il Fossombrone, una delle squadre più quotate del campionato. Che partita ti aspetti?

"Sarà sicuramente una partita molto difficile, giocheremo contro una squadra che ha delle caratteristiche molto simili a quelle dell'Urbania. Difendono forte, sono aggressivi, intensi. Sicuramente sono una delle prime squadre del campionato, e per noi si tratta del banco di prova più difficile di questo inizio di campionato. Dovremo disputare una grande partita sia in attacco che in difesa per portare a casa la vittoria."

- Quale pensi possa essere il vostro obiettivo?
"Innanzi tutto dobbiamo porci l'obiettivo di esprimere un buon gioco di squadra sia in attacco che in difesa. Abbiamo un ottimo potenziale, il roster ha il giusto mix di esperienza e gioventù, siamo una squadra equilibrata in tutti i ruoli, e se riusciremo a giocare insieme, coinvolgendo ognuno di noi, sono sicuro che potremo toglierci delle soddisfazioni."

- A livello personale cosa ti aspetti da questo campionato?

"In questa stagione mi sono innanzi tutto posto l'obiettivo di ritrovare entusiasmo e motivazioni di disputare un campionato nel quale competere per posizioni di classifica importanti. Vorrei disputare un'annata di livello, cercando di diventare per la squadra un punto di riferimento non soltanto per i punti che realizzo, ma per leadership e presenza. Voglio essere un giocatore importante in una squadra che ambisce a fare un campionato di alto livello.

- Quale tra le partite che hai disputato in carriera è in cima ai tuoi ricordi?
"Sicuramente gara 2 della finale promozione che vincemmo a Bologna quando giocavo con Porto Sant'Elpidio nella stagione 2012/2013. Quella vittoria ci diede la promozione in Serie B. Quella è la gara che conservo maggiormente dentro di me anche perchè vincere un campionato di Serie C in una piazza importante come Porto Sant'Elpidio non capita tutti i giorni."

- Ed invece qual'è la partita che vorresti dimenticare?
"Quattro anni fa giocavo con la Virtus Porto San Giorgio. Nella prima partita dei playoff contro il Bramante Pesaro venni espulso per un fallo di reazione in seguito ad un brutto fallo che avvio subito. Una reazione del genere non avrei dovuto averla, per cui se potessi la giocherei di nuovo molto volentieri."

- Quali sono i compagni coi cui hai giocato con i quali ti piacerebbe giocare di nuovo?
"Se dovessi fare un quintetto posso dirti: Lanfranco Mosconi, il sottoscritto ovviamente, Mirko Polidori, Alessio Valentini e Bicio Facenda."

- Per chiudere, lancia un messaggio ai vostri tifosi......
"Ai nostri tifosi chiedo di continuare a starci vicino come hanno fatto in occasione della prima giornata contro Urbania. Giocare in un palazzetto pieno di gente ti dà una carica ed una motivazione extra. Posso garantire loro che noi lavoreremo duro e che onoreremo sempre la maglia che indossiamo. Vogliamo dare le soddisfazioni che merita sia la città di Pedaso che la nostra società, che lavora tanto dietro le quinte e ci permette di giocare senza alcuna pressione."

Giuseppe Contigiani


Social

© Riproduzione riservata