Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

Serie A: la Dinamo Sassari spinge sempre più giù la Pallacanestro Reggiana

Una squadra disposta a lottare e sacrificarsi. Una vittoria conquistata grazie all’aiuto da parte di tutto il gruppo: la Dinamo Banco di Sardegna si impone su Reggio Emilia nella 3° giornata di campionato nelle mura amiche del PalaSerradimigni. Due punti conquistati grazie a una prova corale di grande intensità, con quattro uomini in doppia cifra e la giusta energia nei momenti cruciali del match. Dopo un primo tempo in equilibrio, chiuso 37-34 in favore dei padroni di casa, nel secondo tempo è una Dinamo affamata e concreta a siglare il massimo vantaggio di +16. Agli emiliani non basta un super Julian Wright (19 punti). Tra le file sassaresi ottima prestazione di Shawn Jones, a referto con 15 punti, 7/9 da due, 8 rimbalzi e 3 stoppate per un totale 18 di valutazione, rebus della difesa emiliana nell'ultimo quarto. 11 punti a testa per Achille Polonara, ex del match, e Rok Stipcevic: l’ala marchigiana ha aggiunto al suo score anche 6 rimbalzi mentre per il play croato ha condito la prestazione con 3 rimbalzi e un assist. 

Doppia cifra per un concreto Scott Bamforth: per lui 10 punti a referto e 5 assist; bene a rimbalzo Darko Planinic (8 rb, 6 pt), e Levi Randoplph (7 pt, 5 rb). Importante apporto in termini di energia di Marco Spissu, a segno con 5 punti, 5 rimbalzi e 4 assist: sua la bomba del +5 nel secondo quarto che ha fatto esplodere il PalaSerradimigni.
La vittoria della 3° giornata di campionato dà energia e intensità ai giganti in vista del prossimo impegno casalingo: non c’è tempo per riposarsi, basketball never stops e la testa è già proiettata all’impegno di mercoledì con Oldenburg per il Game 2 di Basketball Champions League.
#Unisolaincampo. Al PalaSerradimigni va in scena il lunch match della 3°giornata di campionato LBA. Si riaccende la sfida tra Dinamo e Reggio Emilia, quest’anno arricchita dalla variabile dell’ex Polonara che per la prima volta affronta la sua ex squadra in maglia biancoblu. Oggi il capitano Jack Devecchi raggiunge quota 262 presenze in serie A, portandosi a -13 dalle 500 totali.

La sfida. Coach Pasquini manda in campo Spissu, Bamforth, Randolph, Jones e Polonara, coach Menetti risponde con Mussini, Della Valle, Reynolds, Markoishvili e Sanè. Il match si apre con il botta e risposta dall’arco tra Markoishvili e Bamforth. Gli ospiti costruiscono il vantaggio con Della Valle e Reynolds. 5 punti di Randolph sbloccano i sassaresi che si riportano a -1 con Stipcevic in lunetta a monetizzare il tecnico sanzionato a Reynolds. 6-0 biancorosso, il capitan Devecchi accorcia, al 10’ è 14-19. Nel secondo quarto i giganti entrano in campo con la voglia di riscattarsi: break di 6-0 con il capitano Devecchi a suonare la carica, seguito da Stipcevic e Planinic. Timeout Reggio: Nevels interrompe il parziale sassarese ma Spissu e Bamforth mettono altri punti in cassaforte. Nevels prova a condurre i suoi, la bomba di Spissu fa esplodere il PalaSerradimigni. Canestro and one di Pierre. Sorpasso e controsorpasso tra Sassari e Reggio, Wright sigla il +1 ma la reazione sassarese porta la firma di Stipcevic e Jones. Si va negli spogliatoi sul punteggio di 37-34. 

Al rientro dall’intervallo lungo la Grissin Bon prova a fare la voce grossa con Julian Wright: due bombe di Polonara accendono il Banco e aprono un parziale biancoblu di 12 punti. L’ala marchigiana infila l’alleyoop servito da Bamforth per il +10. Wright accorcia mettendosi in proprio con 4 punti di fila, i giganti ricacciano indietro il tentativo della Reggiana di riportarsi in partita con un break di 11-2. Pierre scrive il massimo vantaggio +16. Reynolds e Della Valle accorciano il gap (65-51). Reggio Emilia tenta la rimonta condotta da un super Wright, ma Randolph e Polonara permettono alla Dinamo di restare in controllo. Una difesa accorta permette agli uomini di Pasquini di limitare l’offensiva biancorossa. Quando restano 90’’ sul cronometro il tabellone dice 76-65 per i giganti. Jones chiude il match dalla lunetta: il Banco di Sardegna trova la vittoria nel lunch match ed energie in vista del prossimo impegno di Coppa contro Oldenburg, in programma mercoledi. Finisce 77-67.

Sala stampa. Il coach della Dinamo Banco di Sardegna Federico Pasquini commenta così la gara: “Sono estremamente soddisfatto della partita di oggi perché siamo riusciti a trasformare in positività la rabbia della gara di mercoledì scorso. E’ stata una bella prova difensiva e sono anche contento che i break negativi che ci stavano dando non pochi problemi in questo periodo si siano limitati a poche azioni e non ad alcuni minuti come accaduto nelle gare precedenti. Mi è piaciuta molto la condivisione, il coinvolgimento nel passarsi la palla e sono soddisfatto anche di aver tenuto il loro punteggio sotto i 70 punti, significa che stiamo capendo delle regole difensive importantissime e fondamentali. Il messaggio che oggi volevo che passasse nei ragazzi era quello dell’aggressività, per questo ho tenuto una difesa a uomo, e sono contento che sia passato”.

L’ala biancoblu Achille Polonara: “Oggi contava vincere e questo ci dà grande fiducia per mercoledì. All’inizio ero molto emozionato, era la prima partita da ex, ma poi pian piano mi sono sciolto e ho cercato di portare il mio contributo alla nostra gara”.
Il coach della Pallacanestro Reggiana Max Menetti: “La gara si commenta con i numeri e i numeri ci mostrano 21 rimbalzi in attacco di Sassari e tantissimi tiri aperti. Noi non siamo riusciti ad avere una buona circolazione di palla e a costruire. Non abbiamo ancora i 40 minuti di continuità, giochiamo dei bei momenti ma poi abbiamo dei break negativi pesanti. Sappiamo che il nostro cammino sarà lungo e continuiamo a lavorare con umiltà ma con determinazione per costruire un gruppo solido. Portiamo a casa tante cose positive e dei momenti negativi che stiamo affrontando con difficoltà ma che ci serviranno per migliorare sempre di più”.
Il centro biancorosso Julian Wright: “Penso che abbiamo iniziato molto bene ma la partita dura quaranta minuti e abbiamo imparare a rimanete concentrati per tutta la partita. Dobbiamo credere in questo percorso e migliorare”. 

Dinamo Banco di Sardegna - Pallacanestro Reggiana 77-67

Banco di Sardegna:
 Spissu 5, Gallizzi, Bamforth 10, Planinic 6, Devecchi 4, Randolph 7, Pierre 8, Jones 15, Stipcevic 11, Polonara 11, Picarelli, Tavernari. All. Federico Pasquini.

Reggio Emilia: Mussini 4, Wright 19, Bonacini, Candi, Della Valle 11, Reynolds 6, Markoishvili 7, Nevels 8, Sanè 10, De Vico 2. All. Massimiliano Menetti

Parziali: 14-19; 23-15; 28-17; 12-16.
Progressivi:14-19; 37-34; 65-51; 77-67.

Ufficio Stampa Dinamo Banco di Sardegna

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: