Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

Serie B Nazionale: post partita Senigallia-Teramo, le parole di coach Foglietti, Tortù e Bertoni

Al terzo tentativo la Goldengas ottiene il primo referto rosa della stagione. I due punti arrivano al termine di una sfida che all'inizio dell'ultimo periodo sembrava già indirizzata mentre invece aveva ancora tutto da dire. Pur non tirando benissimo dal campo (14/37 da 2 e 6/30 da 3) Senigallia tocca il massimo vantaggio a otto minuti dal termine (58-41) e poi resiste all'arrembaggio teramano aggrappandosi a quelle che sono state le certezze della serata. La buona vena ai tiri liberi (22/26 finale), Tortù, e la “garra” degli ispirati senigalliesi Giampieri e Bertoni. Sono queste le armi con cui la Goldengas respinge l'ultimo assalto di Teramo per poi lasciarsi andare, finalmente, in quell'urlo liberatorio al centro del campo per prendersi l'abbraccio di un PalaPanzini, animato dalla “curva” dei ragazzi del settore giovanile, che ha vissuto col cuore in gola le fasi decisive del match.
Nel post partita c'è, chiaramente, soddisfazione in casa Goldengas.

Coach Foglietti può festeggiare la sua prima vittoria su una panchina di Serie B:
“Sembrava già fatta, poi ci siamo un po' complicati la vita da soli. Quando sei sotto di quindici punti la prima cosa che fai è quella di mettere le mani addosso, noi non dobbiamo cadere in queste provocazioni. Non dobbiamo smettere di giocare con la testa ma magari andare a cercare dei falli per mandarli il prima possibile in bonus viste anche le buone percentuali che abbiamo avuto ai liberi.
Per l'autostima, per avere un po' più di fiducia e per lavorare meglio in settimana era importante sbloccarci e portare a casa i due punti. Abbiamo avuto un buon atteggiamento. Siamo riusciti a correre come volevamo, siamo stati intensi e così facendo abbiamo limitato i loro migliori giocatori per lunghi tratti della partita.
Tortù ha fatto vedere quello che è in grado di fare, Bertoni e Giampieri ci hanno dato tantissimo sui due lati del campoe sono molto contento della loro prova.
Per me è stata la prima vittoria in Serie B e non nascondo che un po' di emozione c'è.”

L'indiscusso “man of the match” Tortù estende i meriti della vittoria a tutta la squadra per la voglia e la dedizione mostrata:
“Avevamo tantissima voglia di portare a casa questa partita e sbloccarci. Detto sinceramente, a Recanati abbiamo giocato piuttosto male e pure con Porto Sant'Elpidio potevamo fare molto di più. Oggi si è visto, soprattutto in difesa, che avevamo quella voglia di dare tutto per vincere e tutti lo hanno fatto. Teramo è una buonissima squadra, negli ultimi dieci minuti hanno fatto quello che abbiamo fatto noi nei primi trenta e abbiamo sofferto un po' le loro mani addosso facendoci quasi riprendere, ma dovevamo portarla a casa.
E' un campionato nel quale non c'è nulla di scontato, dove tutti posso vincere con tutti, dobbiamo pensare a una partita alla volta e metterci sempre il massimo. Sono contento per la vittoria e spero che possa servire anche a dare ancora più entusiasmo al nostro pubblico.”

Tra chi ha reso vani i tentativi di rimonta di Teramo c'è sicuramente Bertoni, preciso dalla lunetta con 5/6 e protagonista di un recupero fondamentale nel finale:
“Abbiamo mantenuto il ritmo per tutta la partita per poi farcela un po' sotto nel finale. Nelle altre occasioni il calo si era verificato nel terzo quarto, questa volta siamo andati sotto nel ritmo e nell'aggressività nell'ultimo periodo. Con qualche giocata difensiva e con qualche palla appoggiata bene sotto canestro siamo stati bravi però a riprenderci. L'abbiamo portata a casa e ce la meritavamo, la volevamo vincere. Ora speriamo che questa vittoria ci dia una bella carica per la settimana e per la trasferta a Ortona (We're corsara a Pescara 80-81) perchè ogni partita è davvero storia a sé.”

Andrea Peverada
Ufficio Stampa Pallacanestro Senigallia

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: