Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

Serie C Silver: i protagonisti del campionato, intervista a Federico Savelli (Nuovo Basket Fossombrone)

Uno dei colpi di mercato del rinnovato Nuovo Basket Fossombrone è stato senza ombra di dubbio Federico Savelli, playmaker classe 1994, che dopo aver trascorso le ultime due stagioni alla Loreto Pesaro ha accettato la proposta della società del Presidente Gelsomini, che ha iniziato la stagione conquistando tre vittorie in altrettanti incontri a Castelfidardo, contro il Bramante Pesaro in casa, e di nuovo in trasferta a Pedaso.

- Ciao Federico, presentati e raccontaci qual'è stato il tuo percorso sportivo fino ad oggi.
"Ho iniziato a giocare da bambino nel settore giovanile della Pallacanestro Senigallia, società con la quale ho fatto tutto il percorso fino a diventare un senior. Nella stagione 2012-2013 abbiamo vinto lo scudetto Under 19 sconfiggendo nella finale giocata a Gorizia la Virtus Padova. Negli ultimi due anni di settore giovanile sono entrato nel giro della prima squadra: la prima stagione ho fatto il decimo della squadra che allora era in B1, e l'anno successivo ero il cambio del play titolare ed giocato oltre 10 minuti a partita. Poi sono andato un anno al Gazzada 7 Laghi, dove abbiamo vinto la Serie C Gold Lombardia, ma la promozione ci è stata negata a causa di 4 punti di penalizzazione che abbiamo preso per un errore amministrativo che ha commesso la società. L'anno successivo ho giocato a Pavia in Serie B, e poi le ultime due stagioni le ho fatte al Loreto Pesaro, prima di venire a Fossombrone."

- Immagino che in estate avessi diverse proposte. Come mai hai scelto Fossombrone?
"Sono stati diversi i motivi che mi hanno convinto a scegliere la proposta della mia attuale società. Innanzi tutto conosco la società da anni, so che è seria, che si può lavorare bene, e poi mi è piaciuto fin da subito il progetto che mi hanno presentato. Inoltre anche mio fratello aveva appena firmato, e venendo a Fossombrone avrei ritrovato Cicconi Massi e Barantani, con cui avevo già giocato a Senigallia, e questo per me era una garanzia che avremmo potuto costruire anche un grande gruppo. Per cui non ho avuto dubbi nel fare la mia scelta."

- Il campionato è iniziato nel migliore dei modi. Tre vittorie arrivate oltretutto in maniera convincente.
"Abbiamo disputato tre ottime partite, portando a casa tre vittorie limpide e meritate, senza dimenticare che abbiamo giocato senza Nobilini e Cecchini, che sono ancora fuori per infortuni. Io sono assolutamente convinto che siamo una buona squadra, ma dobbiamo mantenere i piedi per terra e continuare a lavorare forte, anche perchè siamo una squadra profondamente rinnovata rispetto alla passata stagione, e siamo molto giovani; per cui abbiamo ampi margini di miglioramento. Dobbiamo affrontare ogni avversario con la massima umiltà ed attenzione, e solo così potremo toglierci delle soddisfazioni."

- Quali sono secondo te le squadre più pericolose?
"Il Campetto Ancona è decisamente la squadra più forte del campionato, hanno un roster profondo, sono completi in ogni ruolo ed hanno un ottimo allenatore. Subito dietro ci sono Montegranaro e Pisaurum che penso possano fare un ottimo campionato. Domenica scorsa sono andato a vedere Falconara-Osimo, e la squadra di coach Marini mi ha fatto un'ottima impressione. Aspetto di vedere anche Matelica una volta che avrà recuperato Sorci ed inserito Cardenas, perchè penso possano avere le possibilità di fare bene."

- E voi invece? A che campionato potrete ambire?
"Io penso che il nostro obiettivo in questo momento debba essere quello di crescere settimana dopo settimana. Io penso che abbiamo tutte le carte in regola per arrivare ai playoff, e poi una volta entrati nelle prime otto proveremo ad arrivare più avanti possibile. Sono anche convinto che nei momenti decisivi della stagione avere un allenatore come coach Giordani, ci darà sicuramente una spinta in più."

- E' la terza stagione consecutiva che giochi insieme a tuo fratello Luca. Pro e contro?
"Il vantaggio principale è quello che ci conosciamo benissimo ed in campo basta uno sguardo per intenderci e capire cosa farà l'altro. Inoltre abbiamo un solo anno di differenza, abbiamo gli stessi interessi e lo stesso gruppo di amici. Siamo molto legati e questo in campo non può che aiutarci. Però devo anche dire che abbiamo entrambi due caratteri forti, ognuno di noi vuole avere sempre ragione, e questo ogni tanto può essere un problemino (ride ndr)."

- Qual'è il tuo obiettivo personale per questa stagione?
"Non mi sono mai posto particolare obiettivi personali. Mi piace il basket perchè è uno sport di squadra, io ho sempre pensato poco a me stesso, ma la cosa principale è il gruppo ed il risultato che c'è sul tabellone alla fine della partita. Per cui se anche dovessi giocare due minuti perchè i miei compagni meritano più di me, ma la squadra vince allora sarei felice come se avessi segnato 30 punti."

- Hai un sogno che ti piacerebbe realizzare?
"La vittoria del campionato italiano Under 19 a Senigallia mi ha dato tantissimo. Ho vinto anche la Serie C Gold anche se una penalizzazione ci ha privato della promozione. Però devo dire che vincere un campionato senior con mio fratello e con un gruppo di amici sarebbe fantastico. A Fossombrone stiamo creando davvero una bella squadra, mi trovo molto bene e si lavora in serenità, per cui mi piacerebbe raggiungere qualcosa di importante con questa maglia."

Giuseppe Contigiani

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: