Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

D Regionale: bella vittoria per i Fochi Morrovalle contro il Brown Sugar Fabriano

La vittoria in trasferta all’esordio, contro il CAB Stamura Ancona, aveva istillato il beneficio del dubbio in ciascuno di noi tifosi: che si trattasse di una stagione propiziata dagli astri per l'ASD Fochi Tolentino? Le settimane immediatamente successive, purtroppo, ci hanno costretti a ricrederci. La sconfitta rimediata in casa, contro l’ABM Macerata, e quella in trasferta, contro la Victoria Fermo, hanno rappresentato macigni difficili da digerire. Ad aggravare la situazione, il fatto che la rosa a disposizione del coach Matteo Santecchia sia tuttora lungi dall’essere completa. L’assenza del neo-acquisto Modou Thiam e l’infortunio di Matteo Cerescioli, rimediato nell’ultimo incontro, che lo costringerà lontano dal parquet per almeno un mese, hanno reso la nostra partenza quantomai impegnativa.

Pur tuttavia, nel match casalingo di ieri, contro la Brown Sugar Fabriano, l’orgoglio ha avuto la meglio e i Fochi hanno dato prova di grande maturità, tornando a vincere, imponendosi per 72 a 65 sugli avversari.
Il quintetto titolare schierato dal coach Santecchia parte forte: ad imporsi è Maicol Ciff (21) che, con due canestri in penetrazione a bruciapelo, mette in chiaro sin da subito le regole del gioco. A dargli man forte è il solito Riccardo Mazzoleni (18), il cui apporto è a dir poco fondamentale per gli automatismi offensivi della squadra. La partita continua a correre sui binari dell’equilibrio anche se i nostri sembrano disporre di una marcia in più, merito anche dell’incredibile prestazione del capitano Carlo Alberto Taborro (16). Questi si esibisce in una prova da incorniciare, sia in campo offensivo, chiudendo con 14 punti all’attivo, sia in campo difensivo, ultimo baluardo delle speranze dei suoi compagni.

D’altro canto, sarebbe assurdo non menzionare la morsa opprimente posta da Giacomo Vignati su Moscatelli, impotente, il quale non va oltre i 7 punti, e le straordinarie stoppate di Andrea Alessandrini, classe ’96, in campo per ben 25 minuti.
Il coach Santecchia sta iniziando a raccogliere i frutti della perseveranza: la filosofia del “largo ai giovani” non sembra poi tanto azzardata. La sua squadra, reduce da una prestazione di tutto rispetto, nonostante qualche incidente di percorso, sta dimostrando di saper lavorare bene tanto in attacco quanto in difesa, e sembra lecito chiedersi: dove saprà spingersi, una volta che ogni singolo pezzo della scacchiera avrà preso il posto che gli spetta?

Giacomo Gardini

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: