Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

D Regionale: quattro chiacchiere con il capitano del Basket Tolentino, Adelmo Francesconi

Quattro vittorie in altrettanti incontri disputati. Non poteva esserci miglior inizio di campionato possibile per il Basket Tolentino dopo la difficilissima stagione scorsa. Il terremoto, tre mesi senza palazzetto, una lunga sequenza di infortuni che hanno portato ad una stagione al di sotto delle aspettative. Ed in estate la decisione della società biancorossa di rinunciare a partecipare al campionato di Serie C Silver per ripartire dalla D Regionale. Guida tecnica confermata ed ancora affidata a coach Cervellini, ma roster profondamente rinnovato. Capitano di questo nuovo corso è stato scelto Adelmo Francesconi, centro classe 1982, alla seconda stagione consecutiva con il Basket Tolentino.

- Ciao Adelmo, un poker di vittorie per iniziare il campionato. Non poteva esserci inizio di stagione migliore.
"Dopo un anno complicato come quello scorso avevamo bisogno di una partenza come questa. I risultati di questo primo mese di campionato sono il frutto del lavoro che abbiamo fatto in precampionato. Abbiamo iniziato il 28 Agosto scorso e abbiamo lavorato veramente in maniera dure. Speravamo di partire bene perchè avevamo bisogno di entusiasmo e fiducia."

- Tutte le difficoltà che avete incontrato lo scorso anno vi avranno sicuramente dato delle motivazioni extra per questo campionato.
"Sicuramente le motivazioni e la voglia di far bene non manca. La squadra è stata profondamente rinnovata rispetto allo scorso anno, ma quelli che sono rimasti hanno tanta voglia di dimostrare che non siamo quelli dello scorso anno. I nuovi si sono subito integrati, e siamo riusciti a formare in breve tempo un bel gruppo."

- In estate la società ha scelto di fare un passo indietro e ripartire dalla Serie D, ma abbiamo come l'impressione che in questa categoria siate solo di passaggio.
"Questo è un anno in cui si stanno gettando delle nuove basi per le prossime stagioni. La prima pietra da cui la società ha scelto di ripartire è stata quella di confermare e potenziare lo staff tecnico. Avere tre allenatori come Cervellini, Palmioli e Picozzi è un lusso per questa categoria. Sappiamo di avere le carte in regola per fare bene, ma la strada è veramente lunga."

- Quali pensi possano essere le principali avversarie del vostro girone?
"Io credo che le squadre meglio attrezzate siano il Basket Fermo ed il Brown Sugar Fabriano. Penso che saranno queste le squadre con cui ci giocheremo le prime posizioni fino alla fine. Anche gli 88ers Civitanova sono una buona squadra che potrà dare fastidio a tanti."

- Sei alla tua seconda esperienza a Tolentino e quest'anno ti sono stati affidati i gradi di capitano. Un attestato di stima ed una bella responsabilità.
"Ho giocato a Tolentino per tre stagioni dal 2011 al 2014, poi dopo una parentesi a Recanati sono ritornato lo scorso anno. Ricevere la fascia di capitano è stata una cosa bellissima ed è sicuramente una grande responsabilità. Oltre tutto l'ho ereditata da Alessandro Pelliccioni, che qui a Tolentino è un'istituzione, e questo mi responsabilizza ancora di più."

- Tra le tante partite che hai disputato qual'è quella che ricordi con maggiormente?
"Sicuramente gara 3 della finale playoff che vinsi quando giocavo con la Supernova Montegranaro contro Porto Recanati. Quella vittoria ci consentì di vincere il campionato e salire in Serie C1."

- Ed invece ce n'è una che vorresti dimenticare?
"Partite da dimenticare ne ho tantissime, soprattutto vorrei rigiocare tutta la scorsa stagione. Ma se proprio devo dirti una partita allora ti dico lo spareggio per non retrocedere che disputai con Massalombarda e che perdemmo con un tiro allo scadere."

- Sei il Direttore Sportivo di una società. Quale sarebbe il tuo quintetto ideale composto da tuoi ex compagni di squadra?
"Paolo Berdini, Giacomo Pellacchia, Simone Cimini, il sottoscritto e Roberto Tortolini."

- Vuoi mandare un messaggio ai tuoi tifosi ed alla città di Tolentino?
"Non ho proclami particolari da fare, posso solo dire che daremo sempre il massimo e giocheremo onorando la maglia ed i nostri colori. Noi rappresentiamo la città di Tolentino e questo per noi deve rappresentare un motivo di orgoglio ed una grande motivazione."

Giuseppe Contigiani

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: