Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

Promozione B: alla scoperta della Pallacanestro Senigallia Giovani con coach Marco Paialunga

Questa settimana andiamo alla scoperta di una novità del nuovo campionato di Promozione, la Pallacanestro Senigallia Giovani, ma più in generale ci addentriamo nel settore giovanile della società senigalliese, e lo facciamo con il responsabile Marco Paialunga, tra l'altro allenatore delle squadre Under 18 Eccellenza e Under 14 Elite, oltre che della squadra che partecipa al campionato di Promozione.

- Ciao Marco, partiamo con una piccola presentazione del settore giovanile della Pallacanestro Senigallia e di quelle che sono i tuoi incarichi.
"Io quest'anno sono il responsabile di tutto il settore giovanile, ed in prima persona alleno la squadra Under 18 Eccellenza insieme ad Andrea Peverada, e la squadra Under 14 Elite, insieme a Fabio Giampieri. Quest'anno partecipiamo a sei campionati giovanili, l'Under 18 Eccellenza. e Regionale, l'Under 16 Eccellenza, l'Under 15 Elite e Regionale, e l'Under 14 Elite. Poi abbiamo un gruppo esordienti e tutti i gruppi minibasket."

- Quali sono al momento le annate più interessanti?
"Quando parliamo di ragazzi e di gruppi giovanili le aspettative sono molto variabili e dipendono anno dopo anno da diversi fattori. Quello che posso dire è che abbiamo fatto delle scelte ben precise con il gruppo Under 18. Quattro di loro si allenano fissi con la Serie B e tre vanno sempre in panchina ogni Domenica. Lo stesso gruppo da quest'anno partecipa anche ad un campionato senior come quello di Promozione. Abbiamo deciso di coordinare il lavoro tra prima squadra ed Under 18 in maniera da portare avanti un unico progetto tecnico."

- Puoi invece farci qualche nome dei ragazzi più promettenti?
"Te li farei volentieri ma in questo caso farei il disinteresse del nominato. Non ci sono evidenti differenze tecniche o fisiche tra i ragazzi delle varie annate tanto da giustificare un nome piuttosto che un altro. Quello che mi preme sottolineare è che noi facciamo reclutamento solo ed esclusivamente nella nostra città. Negli ultimi anni abbiamo beneficiato del lavoro che è stato fatto negli ultimi sei o sette anni, come dimostra lo scudetto conquistato con la squadra Under 19 nel 2013, oppure i tanti ragazzi usciti dal nostro settore giovanili che sono protagonisti in serie B ed in Serie C."

- Più in generale quale pensi sia lo stato di salute del settore giovanile senigalliese?
"Io credo che sia buono. I nostri numeri in fatto di tesserati ed iscritti è discreto, e la qualità dei ragazzi è nella media. Facciamo anche un grande lavoro nelle scuole per avvicinare più ragazzi possibili al nostro sport."

- Come è nata l'idea di partecipare al campionato di Promozione con la vostra Under 18?
"Il gruppo Under 18 è composto da 16 ragazzi, e far fare loro solamente una partita e quattro allenamenti ci sembrava insufficiente per la loro crescita. E più che un campionato Under 20 la nostra attenzione si è rivolta ad un torneo senior. Abbiamo anche pensato di chiedere l'iscrizione in Serie D, ma temevamo fosse un passo eccessivo. Così abbiamo scelto di iscriverci alla Promozione, una competizione in cui la scaltrezza, la furbizia ed il gioco "sporco" la fanno da padrone. Sono assolutamente convinto della bontà della scelta che abbiamo fatto in funzione del percorso di crescita dei ragazzi."

- L'aver pensato all'iscrizione alla Serie D è un chiaro indizio che volete comunque fare un campionato di vertice e magari chissà....
"A dire la verita ad oggi non conosco bene neanche la formula del campionato. Il nostro primo obiettivo in questo momento è continuare nella crescita del gruppo e di andare avanti nella strada che abbiamo in mente. Ed allo stesso tempo non conosco neanche bene le altre squadre. Ad oggi non posso darmi un obiettivo, ma tutto dipende dalla maturazione che avremo nei prossimi mesi. Penso che a differenza di tante altre squadre noi possiamo avere ampi margini di miglioramento, per cui oggi non posso sapere a quale livello saremo nella prossima primavera."

- Chiudiamo parlando un attimo della Serie B. Che campionato pensi possano fare coach Foglietti ed i suoi ragazzi? I playoff sono alla portata?
"E' un campionato ancora molto strano, in cui i risultati che abbiamo avuto fino ad ora ancora non chiariscono bene i valori di tutte le squadre. Credo che comunque sarà un torneo molto equilibrato. Senigallia è una squadra che in estate si è rinnovata parecchio e che ancora non ha espresso tutto il suo potenziale. Sono però sicuro che si possano ripetere i risultati delle passate stagioni, e che ci si possa togliere delle soddisfazioni."

Giuseppe Contigiani

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: