Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

Serie B Nazionale: uno spento Janus Fabriano cade a Senigallia

Non è la solita Janus. I biancoblù sbagliano l'approccio alla partita e quel gap appare incolmabile per trentanove minuti di gioco. Ad un giro di lancette dal termine, la palla per strappare il derby a Senigallia. Match point fallito, finisce 71-65.
La Goldengas all'uscita dai blocchi di partenza è una scheggia, la Ristopro rimane piantata sul posto ed in appena due minuti coach Daniele Aniello richiama i suoi in panca per un minuto di sospensione, è già 9-0. Appare già una montagna, perché Fabriano fatica a costruire offensivamente e nel primo periodo di gioco manda a referto sole undici segnature. Giacomini si incolla a Fabrizio Gialloreto ed il numero 30 necessita del piccolo Michele Bugionovo per liberarsi di un grattacapo non da poco.

Se nella metà campo offensiva la situazione migliora, sotto la tabella opposta Pierantoni cattura tutto ciò che vuole (chiuderà con 14 rimbalzi, di cui 8 offensivi) e offre seconde palle giocabili a Lorenzo Tortù ed Emiliano Paparella, liberi di aprire il fuoco a piacimento. Il numero 0 biancorosso (Tortù, ndr), viene soltanto fermato dalle sanzioni personali a metà del terzo periodo di gioco, quando Paparella decide di caricarsi tutta la Goldengas sulle spalle. Ci pensa però Filiberto Dri ad infiammare i trecento tifosi arrivati a Fabriano, con un gioco da tre punti che equivale ad una bombola di ossigeno purissima. C'è Dri? C'è ancora Paparella! Da manuale della pallacanestro l'uscita dai blocchi sulla linea di fondo, estintore e Ristopro ancora a dieci di distanza con altrettanti minuti da giocare. Se si sveglia anche Fabrizio Gialloreto, esiste ancora una partita. Il numero 30 ne piazza cinque in fila e gli ospiti non mollano la partita.

Continua però inesorabilmente ad imbarcare acqua con i sistematici cambi difensivi, che permettono a Paparella (28 alla fine e firma sul derby) di attaccare il ferro contro i lunghi fabrianesi e a Pierantoni di saltare indisturbato contro i piccoli biancoblù. Simone De Angelis dalla lunetta e Fabrizio Gialloreto dall'arco rimettono nuovamente in discussione il match all'ingresso della dirittura d'arrivo. Fabriano sull'errore di Pierantoni dalla punta sembra aver trovato la chiave e.. invece no. Affrettata la soluzione nel possesso decisivo e Senigallia punisce non sbagliando dalla linea della carità.
Un passo indietro per ciò che concerne la prestazione di squadra, ancora l'ennesimo passo in avanti per una città che vive di pallacanestro. Il saluto ai giocatori al termine del derby è la giusta carica per la settimana d'avvicinamento a Recanati, si gioca domenica 19 al PalaGuerrieri.

Goldengas Pall. Senigallia - Ristopro Fabriano 71-65 (18-11, 11-14, 23-17, 19-23)

Goldengas Pall. Senigallia
: Paparella 28, Tortù 17, Pierantoni 11, Giacomini 10, Giampieri 4, Ricci 1, Bertoni, Brighi, Maiolatesi, Benedetti, Angeletti, Del torto. All. Foglietti.

Ristopro Fabriano
: Dri 16, De Angelis 10, Bruno 9, Bugionovo 8, Fanesi, Jovancic, Quercia, Cicconcelli, Cummings, Cimarelli 2, Vita Sadi 2, Gialloreto 18. All. Aniello. Ass.All. Tavares, Panzini.

Lorenzo Ciappelloni – Ufficio Stampa Janus Basket Fabriano

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: