Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

Serie C Silver: Matteo Redolf "A Fossombrone ci attende una partita difficile, sarà decisiva l'intensità difensiva"

Messo alle spalle il primo ko stagionale subito sul campo della Vigor Matelica grazie alla vittoria conquistata contro il Bramante Pesaro, Il Campetto Ancona guarda con rinnovata fiducia al big match contro l'altra capolista, il Nuovo Basket Fossombrone. Una sfida che metterà di fronte le due squadre che con ogni probabilità si giocheranno il primo posto fino alla fine della regular season. Uno dei protagonisti fino ad ora del cammino dei bianconeroverdi è senza ombra di dubbio Matteo Redolf, 12,1 punti di media nelle prime otto giornate, che Domenica darà vita ad uno dei confronti individuali più interessanti, quello contro Riccardo Ravaioli (leggi qui la sua intervista).

- Ciao Matteo, contro il Bramante Pesaro è arrivata una vittoria sofferta ma molto importante per riprendere il vostro cammino dopo il ko di Matelica.
"Dopo la nostra prima sconfitta stagionale era importantissimo tornare alla vittoria, non importava come ma era fondamentale portare a casa i due punti. Contro il Bramante è stata una partita molto difficile, perchè la squadra pesarese è molto forte, preparata e soprattutto ben allenata. Ci hanno messo in difficoltà con la loro organizzazione e con la loro intensità difensiva ma alla fine siamo riusciti a spuntarla."

- Nelle ultime giornate avete un pò faticato dopo un inizio di stagione decisamente brillante. 
"Penso che sia del tutto fisiologico avere un periodo meno brillante dopo un inizio importante come quello che abbiamo avuto noi. Nonostante la maggior parte di noi si conosca da anni ed abbia già giocato insieme in passato, siamo una squadra nuova che è nata questa estate, per cui è naturale vivere un periodo di assestamento con degli alti e bassi specie all'inizio della stagione."

- Domenica sarete impegnati nella difficile trasferta di Fossombrone. Che partita vi aspetta?
"Credo che sarà una partita che si deciderà soprattutto in difesa. Chi riuscirà a mettere in campo una prestazione difensiva di alto livello avrà maggiori probabilità di portare a casa i due punti. Ci aspetta una gara molto difficile che metterà in palio il primo posto della classifica. Sarà importante avere il giusto approccio e riuscire a mettere in campo ciò che prepareremo in settimana."

- Che cosa temi maggiormente della squadra allenata da coach Giordani?
"Sono una squadra molto forte composta da tanti buoni giocatori, completa in ogni ruolo. Su tutti ci sono i fratelli Savelli e Ravaioli che tra l'altro sarà il mio diretto avversario. Sarà importante limitarlo il più possibile, anche se non sarà affatto facile."

- Come giudichi il livello dell'attuale campionato?
"Credo che negli ultimi anni il livello tecnico del campionato sia un pò diminuito, mentre quello fisico ed atletico è notevolmente aumentato. Si assiste infatti a molte più partite intense, fisiche e combattute rispetto alle passate stagioni."

- Quale pensi possano essere le squadre che fino alla fine vi contenderanno il primo posto?
"Ci sono diverse squadre che possono fare bene e queste prime otto giornate lo ha dimostrato. Matelica, Fossombrone, Pisaurum e Montegranaro saranno sicuramente protagoniste fino alla fine. E' un campionato, comunque, nel quale bisogna fare attenzione ad ogni avversario settimana dopo settimana. Ogni giornata assistiamo a delle sorprese, sempre diverse, che stanno rendendo questa stagione fino ad ora molto bella ed avvincente."

- La vostra squadra è stata costruita con l'obiettivo di arrivare il più lontano possibile. Pensi che la Serie B possa essere un obiettivo raggiungibile?
"Siamo stati costruiti per essere competitivi fino alla fine e ci alleniamo ogni giorno per provare a giocarci le nostre carte. Dobbiamo rimanere con i piedi ben saldi per terra, lavorare sempre con la massima concentrazione ed intensità per farci trovare sempre pronti. La stagione è appena iniziata e ci attende un cammino lungo e pieno di insidie e difficoltà."

Giuseppe Contigiani

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: