Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

Promozione A: i protagonisti del campionato, intervista ad Andrea Tamburini (Carpegna)

Tra le realtà più positive di questo inizio di campionato c'è sicuramente il Basket Montefeltro Carpegna, che dopo tre anni di esperienze nella Blu League, da questa stagione è tornata a disputare i campionati Fip. Dopo un inizio molto positivo fatto di quattro vittorie consecutive, sono arrivati due stop in casa contro la Vadese e sul campo dell'imbattuta capolista WildCats Pesaro, dovuti principalmente ad una grande serie di infortuni che non hanno permesso al Carpegna di scendere in campo delle migliori condizioni possibili. Punto di riferimento della squadra allenata da Andrea Nardini è sicuramente Andrea Tamburini, ala classe 1989, autore fino ad ora di 16 punti a partita.

- Ciao Andrea, parlaci un attimo di te e di quelle che sono state le tappe della tua carriera.
"Ho iniziato a giocare a basket con il Camb Montecchio, la squadra del mio paese, poi dall'età di 13 anni mi sono trasferito nel vivaio della Vuelle Pesaro con la quale ho fatto tutta la trafila delle giovanili dall'Under 13 all'Under 20. Terminato il settore giovanili sono andato a giocare alla Stella Maris Pesaro in Serie C2, e successivamente nel Loreto Pesaro. Poi quattro anni fa un subito un brutto infortunio al ginocchio che mi ha costretto a stare fermo un anno. Ho ricominciato in Prima Divisione con i Rattors Bees Pesaro con i quali ho giocato due anni, e poi sono arrivato al Carpegna con la quale sto disputando la mia seconda stagione."

- Siete partiti molto bene con quattro vittorie consecutive, poi sono arrivate due sconfitte.
"La prima parte del campionato sono state molto positive, poi abbiamo affrontato le due gare successive contro la Vadese ed i WildCats Pesaro con parecchi giocatori infortunati e questo lo abbiamo pagato."

- Parlaci un attimo della tua squadra. Che gruppo siete?
"Siamo una squadra molto unita sia in campo che fuori, e questo penso sia fondamentale per fare un buon campionato. Il gruppo è assolutamente il nostro punto di forza. I giocatori che negli anni passati già vestivano questa maglia sono riusciti ad integrare al meglio chi è arrivato sia lo scorso anno che quest'anno. Anche la società è molto presente e non ci fa mai mancare nulla. A Carpegna posso dire che si sta davvero bene e si gioca nella massina serenità."

- Quale pensi possa essere il vostro obiettivo per questo campionato?
"Il nostro obiettivo principale è quello di entrare nei playoff, riuscire a farlo entrando nelle prime quattro al termine della regular season sarebbe davvero importante. Ci permetterebbe di affrontare almeno il primo turno con il fattore campo a nostro favore. Questo penso debba essere il risultato che dobbiamo assolutamente raggiungere."

- Quali sono stati da ragazzo i tuoi giocatori preferiti e la tua squadra del cuore?
"Da sempre faccio il tifo per la Vuelle Pesaro. Spero proprio che anche quest'anno si possa conquistare la salvezza, anche se ci sarà da soffrire. Tra i giocatori, invece, ho sempre avuto una particolare ammirazione per Gianluca Basile."

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: