Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

Serie C Silver: Pallacanestro Pedaso a caccia del pokerissimo contro il Bramante, le parole di Marco Tombolini

Marco, partiamo da quest'estate. Dopo una lunga carriera vissuta in tante squadre marchigiane e anche di fuori regione hai deciso di venire a Pedaso. Cosa ti ha convinto a effettuare questa scelta e come ti trovi in questa nuova realtà?
Mi trovo davvero molto bene. Pedaso è un posto unico dove giocare perchè c'è molto entusiamo intorno alla squadra.Tutti sono sempre pronti ad incoraggiarti anche nei momenti di difficoltà. Ho scelto di venire a giocare qui perchè ho capito subito che l'intenzione della società era quella di creare una squadra forte, che potesse competere contro tutte le avversarie del campionato.

Un inizio di stagione difficile poi la svolta a partire dalla partita con la Sutor e i quattro successi in fila. Coach Ionni ti ha lodato per come ti sei messo a disposizione della squadra per uscire dal momento difficile, accettando di iniziare più spesso l'azione in prima persona (soprattutto prima del ritorno di Mosconi), sbattendoti in difesa e sacrificando magari qualche gratificazione personale. Quanto sono state utili questa tua disponibilità e la tua esperienza in un gruppo molto ringiovanito che viveva un momento di smarrimento?
L'infortunio di Mattia è stato un colpo difficile da metabolizzare. Erano settimane che lavoravamo duro in palestra per trovare la giusta chimica di squadra e questo brutto episodio ci ha disorientati.
Il risultato sono state le due bruttissime prestazioni in casa con Fossombrone e in trasferta contro il Pisaurum. A quel punto ho ritenuto necessario mettermi a disposizione della squadra per cercare di superare il momento negativo. Assieme all'allenatore e ai compagni più “vecchi” abbiamo cercato di riportare soprattutto fiducia ed entusiasmo in un gruppo che stava vivendo un momento difficile.

Siamo già oltre la metà del girone d'andata, i valori cominciano a delinearsi e voi, anche grazie al ritorno di Mosconi, avete un assetto ormai definito. A tuo modo di vedere qual è l'obiettivo realistico a cui potete ambire e che ti renderebbe soddisfatto della stagione?
L'obiettivo realistico a cui deve ambire questa squadra è quello di rimanere nella parte alta dellaclassifica, ma se continueremo a lavorare duro penso che riuscire a restare nelle prime quattro posizioni sia un traguardo alla nostra portata.

Questa sera la sfida al Bramante Pesaro. Squadra giovanissima quella allenata da coach Nicolini, infarcita di ragazzi del settore giovanile della Vuelle Pesaro. Una formazione molto pericolosa, capace di vincere a Montegranaro e sfiorare il colpo ad Ancona contro il Campetto. Cosa occorre per uscire vincenti da questa sfida?
Dobbiamo mantenere sotto controllo il ritmo della gara. Loro sono giovani e quando sono alcompleto hanno dimostrato di poter vincere contro tutti. Prendono molta fiducia se lasciati giocare in campo aperto, quindi dobbiamo difendere forte e bilanciare bene i nostri giochi d'attacco cercando di coinvolgere tutti: sarà una partita difficile, ma cercheremo di dare il massimo per portare a casa la vittoria.

Ufficio Stampa Pallacanestro Pedaso

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: