Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

Serie C Silver: punto sulla situazione infortunati della Sutor Montegranaro con Luca Vesprini

Con le tre vittorie consecutive in tasca, la Sutor è attesa domenica (ore 18, ndr) sul difficile campo di Urbania.
Quello che preoccupa in casa gialloblu però, oltre che la notevole bravura dell’avversario, è la situazione infortuni: al lungo stop del centro Cataldo, si è aggiunta anche la lesione al tendine del capolungo del braccio destro di capitan Selicato…tutto questo, con la speranza di poter recuperare al 100% il play Rossi.
Facciamo allora il punto della situazione con il massofisioterapista della squadra Luca Vesprini.

Ciao Luca, grazie per aver accettato il nostro invito. Nonostante la tua giovane età (24 anni, ndr) per te questa è la seconda stagione alla Sutor…cosa ti ha spinto ad accettare di nuovo la chiamata gialloblu?
“La Sutor è una realtà che a Montegranaro ha sempre scaldato il cuore di tutti, e aver potuto già collaborare con questa squadra è un grande orgoglio personale. La seconda chiamata poi non è stata più soltanto un piacere, ma anche un motivo in più per volerci ri-esserci e dare di nuovo il massimo.
Vorrei approfittarne per ringraziare il centro Paidos per aver subito accolto la mia proposta, confermando il rapporto di fiducia professionale che già esisteva prima della proposta di collaborazione nella gestione medica della squadra”.

Che rapporti hai con gli altri membri dello staff tecnico?
“Con lo staff mi trovo benissimo, e qualunque sia la situazione medica e paramedica da affrontare, riusciamo sempre ad avere una buona prontezza nella comunicazione. Oltre al rapporto professionale poi, con il coach Ciarpella sono legato anche da un ottimo rapporto di amicizia, e debbo riconoscere che ha fatto un grande lavoro: insieme all società, è stato sicuramente la spinta fondamentale per l’esistenza di questa Sutor”.

Parliamo un po’ degli infortuni…come procede il recupero di Brandon Cataldo?
“Per quello che riguarda Brandon, il recupero procede molto bene. A livello fisioterapico siamo nella prima fase di recupero e devo dire che è quasi completa…manca solo il tutore che speriamo di togliere settimana prossima. L’obiettivo è di averlo in campo quanto prima, e per fare questo mi confronto quotidianamente col Dott. Malatini che lo ha operato, il quale è stato disponibilissimo nei nostri confronti. Un grande grazie mi sento di dirlo anche a lui.

Luca Rossi sarà dei nostri ad Urbania?
“Lo stiramento di Luca finalmente è guarito ed abbiamo potuto riiniziare la ri-atletizzazione. Vogliamo essere molto cauti però, e lo valuteremo insieme a Marco Rossi (preparatore atletico, ndr) nei prossimi giorni.

Sabato scorso si è fermato anche Selicato, e la situazione nel reparto lunghi ora è davvero delicata.
“Luigi è stato il vero protagonista della mia settimana, in quanto reduce da una lesione ad un tendine della spalla subito dopo la partita. Nei pochi giorni successivi siamo riusciti ad avere 4 consulti specialistici in 3 giorni, con tanto di lastre ed ecografia per essere sicuri che l’infortunio non pregiudicasse il proseguo dell’attività agonistica. Per fortuna tutti gli esami sono andati bene.

Nonostante l’infermeria piena da ormai 3 settimana, dove può arrivare secondo te la Sutor quest’anno? E cosa ne pensi del nuovo progetto dirigenziale?
“Avendo a cuore questa squadra da quando ero ragazzino non posso di certo augurarle di restare a metà classifica…credo che riusciremo a centrare i playoff, e spero in un buon piazzamento nella griglia.
Per quando riguarda il nuovo progetto, penso sia davvero molto interessante: bella l’idea di avere una Sutor di tutti che resti a Montegranaro. Per il momento tutto sta funzionando a meraviglia e sono sicuro che la società riuscirà a raggiungere gli obiettivi sportivi, ma soprattutto dirigenziali, che si è posta in quella famosa assemblea pubblica di settembre”.

In bocca al lupo per tutto Luca e grazie per l’intervista…hai un gran bel da fare in questo periodo!
“Crepi e grazie a voi…speriamo di avere il roster al completo quanto prima. FORZA SUTOR!”

Ufficio Stampa S.S. Sutor Basket Montegranaro

 

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: