Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

Serie A: le prime parole del neo acquisto della Vuelle Pesaro, Rihards Kuksiks

Il nuovo arrivo in casa VL, il lettone Rihards Kuksiks, è stato presentato alla stampa nella sede della società dal direttore sportivo Stefano Cioppi: "Rihards è un’ala piccola di scuola americana, è stato 4 anni ad Arizona State e aveva come compagno di stanza James Harden; poi ha avuto una carriera ad alto livello in Europa. Le sue caratteristiche? Ottimo tiro anche da tre, bravo sia sugli scarichi che in uscita dai blocchi; esperto, intelligente, completo, non è un’atleta ma in difesa si fa valere sia tecnicamente che tatticamente".

La parola è poi passata a Rihards Kuksiks: "Sono molto contento di essere qui e di debuttare in una partita così importante proprio contro la mia ex squadra, Varese. So che la società mi cercava da tanto e sono qui per portare la mia esperienza e le mie qualità a favore della squadra. È una bella opportunità per me tornare in Italia, uno dei campionati di maggiore livello in Europa.

Ho buone sensazioni dalla squadra, ovviamente abbiamo bisogno di conoscerci meglio, e ciò avverrà allenamento dopo allenamento. Devo capire in fretta le caratteristiche dei miei compagni per essere utile e rendere vincente la nostra squadra. Penso che se lavoreremo duro e comunicheremo l'uno con l'altro potremo prenderci diverse vittorie".

"Sono un giocatore di formazione mista tra Stati Uniti ed Europa: in America sono più fisici, in Europa si gioca più sull'intelligenza e sulla furbizia. Con Varese è il mio esordio e sarebbe stata comunque una partita speciale; ho mantenuto buoni rapporti con loro anche se non so quanti dello staff siano rimasti. C'è di certo una motivazione in più per me nel giocare contro la mia ex società e dimostrare loro che si sono sbagliati nel non confermarmi.

Spero - ha aggiunto - di poter guadagnare il prolungamento del contratto qui a Pesaro attraverso le mie prestazioni e le vittorie della squadra. Sono un all-around e so leggere le partite, non sono mai stato un giocatore egoista. Ho visto tutte le coppe in sede, so che questa è una città con una grande storia e i tifosi sono molto appassionati”.

Ufficio Stampa VL

 

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: