Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

Serie C Silver: i protagonisti del campionato, intervista a Matteo Larizza (Recanati)

Tra le realtà più interessanti di questo campionato c'è sicuramente la Pallacanestro Recanati, squadra affidata alle sapienti mani di coach Rolando Giorgi, neopromossa dalla Serie D, ed attualmente ai margini della zona playoff con 8 punti conquistati. Dopo un'ottima partenza fatta di tre vittorie nelle prime quattro giornate, i leopardiani sono incappati in quattro sconfitte consecutive, figlie anche di un calendario molto complicato, prima di tornare alla vittoria battendo dopo un tempo supplementare la Robur Osimo. Tra i protagonisti di questa prima parte di stagione c'è Matteo Larizza, esterno classe 1996, autore finora di quasi 14 punti a partita. E proprio Matteo è stato tra i protagonisti dell'ultima vittoria grazie ai suoi 25 punti messi a segno.

- Ciao Matteo, contro Osimo è arrivata quella vittoria che vi ha permesso di mettervi alle spalle un momento molto complicato.
"E' stata la vittoria del gruppo, una risposta collettiva che ci voleva dopo le ultime quattro sconfitte consecutive. Eravamo reduci da un mese dove nell'ordine abbiamo incontrato Matelica, Fossombrone, Pisaurum e Montegranaro e purtroppo i risultati sono stati negativi. Ma nonostante ciò abbiamo continuato a lavorare forte e con estrema fiducia durante la settimana, e Sabato scorso finalmente siamo tornati alla vittoria."

- Questo momento no pensi sia dipeso soltanto dal calendario?
"Sicuramente incontrare quattro tra le più forti squadre del campionato non ha aiutato, ma abbiamo anche mostrato alcuni limiti che abbiamo, su tutti quello di non riuscire a tenere per tutti i quaranta minuti di gioco la lucidità e la concentrazione. E' un aspetto che dobbiamo assolutamente migliorare per fare strada. Contro Osimo, ad esempio, si sono visti dei passi in avanti in questo senso, e siamo riusciti a rimanere lucidi fino alla fine."

- Lo scorso anno hai fatto la tua prima esperienza lontano da Recanati. Che campionato hai ritrovato quest'anno?
"Sicuramente un campionato molto migliorato e con un livello più alto rispetto agli anni passati. Ci sono tante squadre che in estate hanno investito ed hanno costruito roster molto competitivi. Questo ha fatto sì che fino ad ora abbiamo assistito a tante belle partite e ad un equilibrio che sta rendendo questo torneo affascinante e molto interessante."

- E le tue favorite quali sono?
"Penso che Il Campetto Ancona sia sicuramente la squadra da battere. E' completa e composta da gente che ha giocato anche in categorie superiori. Subito dietro vedo il Fossombrone che fa del gruppo e della sua compattezza le sue doti migliori."

- Secondo te quale ruolo potete recitare da qui a fine stagione?
"Noi dobbiamo innanzi tutto pensare a conquistare la salvezza il prima possibile, anche se penso che la nostra sia una squadra che non debba pensare solo a salvarsi ma che abbia tutte le carte in regola per provare a conquistare i playoff. Dovremo essere bravi a sfruttare tutte le occasioni che ci si presenteranno davanti, perchè entrare nelle prime otto sarà molto difficile."

- Ed a livello personale che cosa ti aspetti?
"Il mio primo pensiero è quello di mettermi a disposizione della squadra e dare il mio contributo per conquistare i migliori risultati possibili. So che la società e lo staff tecnico ripongono tanta fiducia in me, ed io non voglio fare altro che ripagarla."

- E fino ad ora il tuo rendimento non ha tradito le attese.
"Sono contento di come sono andate le prime partite a livello individuale. Le partite contro Urbania e contro Osimo sono state sicuramente le mie due migliori, anche perchè il mio contributo è stato determinante per la vittoria finale. Devo ancora maturare e crescere tanto per essere continuo ogni Domenica."

Giuseppe Contigiani

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: