Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

Serie A: l'Olimpia Milano espugna Reggio Emilia al fotofinish

L’Olimpia comanda per 40 minuti a Reggio Emilia ma per vincere ha bisogno di resistere sull’ultimo possesso difensivo quando una partita mai uccisa ma sempre controllata passa nelle mani avversarie. La difesa però tiene e alla fine la quarta beffa consecutiva non si materializza. L’Olimpia vince 72-71, più con la difesa che con un attacco a intermittenza, Jerrells nel primo tempo, Theodore alla fine, Bertans molto pulito e il solito enorme Gudaitis, 18 punti, 8/8 dalla lunetta, 28 di valutazione. Una partita in clima playoffs (da segnalare i sei rimbalzi di Andrea Cinciarini che gli valgono i 1000 in carriera), contro un avversario motivatissimo e con tanta energia. L’Olimpia ha difeso forte su Della Valle, autore di 15 punti ma con il 25% dal campo.

IL PRIMO TEMPO – L’Olimpia parte con il maxiquintetto, Abass da guardia e Jefferson da ala forte. L’americano segna cinque punti veloci e scava il primo vantaggio significativo sul 9-4 grazie anche ad una rubata con canestro incorporato di Theodore. La difesa si sbilancia molto su Della Valle e si apre troppo vicino a canestro con Reynolds che ne approfitta per segnare nove punti nel periodo. In un passaggio a vuoto in attacco, Mussini in transizione firma il sorpasso Reggio Emilia sul 14-12. Bertans dalla media e Jerrells con un tiro libero chiudono il quarto, con Milano avanti 15-14. Il parziale si estende nel secondo quarto e diventa di 8-0 con un gioco da tre di Bertans che forza il time-out di Coach Menetti. 

Alla ripresa il secondo fallo (un antisportivo) di M’Baye genera un possesso da quattro punti di Reggio Emilia, ma poi l’Olimpia risponde forte, con due triple di Jerrells, un tap-in di Gudaitis e un’altra tripla di Bertans per l’improvviso più 11 (31-20) e il secondo time-out reggiano. Qui due liberi di Reynolds e un canestro di Wright fermano il parziale favorevole a Milano. Il controbreak è di 13-0 e racchiude due minuti di sospensione. Jerrells con un tiro dalla media ripristina la parità, Gudaitis dalla linea sorpassa di nuovo. Jerrells prende in mano la squadra, segna una tripla dopo il 2/2 di Della Valle che aveva impattato a 35, e poi scrive la fine del primo tempo bruciando il buzzer per il 41-35 Olimpia.

IL SECONDO TEMPO – Arturas Gudaitis attacca la ripresa con un gancio e una schiacciata che mantengono l’Olimpia avanti sia pure con margini non determinanti e nonostante tre errori dalla lunetta che impediscono di capitalizzare su una buona difesa. Così quando il tono agonistico della gara si accende, più qualche palle persa, Reggio Emilia rientra e impatta dopo nove minuti a quota 50 con due tiri liberi di Della Valle. Bertans, dalla punta, da tre risponde chiudendo un terzo periodo con tanta bagarre sul 53-50 Olimpia. Gudaitis e quattro punti di Cinciarini conservano un vantaggio a favore di Milano in una partita che diventa molto spigolosa e fisica, ma qui i falli cominciano a diventare un problema. Commette il quarto M’Baye, poi fischiano il quarto anche a Cinciarini. Il bonus viene bruciato in meno di cinque minuti e consente a Reggio Emilia, dalla lunetta, di tornare in parità. 

Theodore con un’entratona firma subito un gioco da tre punti, Gudaitis allunga dalla lunetta. Dopo la schiacciata di Reynolds, Theodore segna da tre con grande freddezza riaprendo sei punti di margine con 3’38” da giocare. E’ lui a gestire i tempi dell’attacco nel quarto periodo, va a raccogliere falli mettendo in bonus la Reggiana. Dalla lunetta, tenta l’allungo decisivo costruendo otto punti di distacco tra le squadre. Ma non è così, perché Reggio Emilia mette due triple consecutive con Markoishvili e Della Valle. Milano non trova il canestro della staffa e subisce il pareggio di Llompart dalla lunetta a 18 secondi dalla fine. Dopo il time-out la scelta di Menetti è di spendere il fallo tattico su Jerrells. Curtis fa 1/2, Markoishvili e White non segnano e l’Olimpia vince 72-71.

GRISSIN BON REGGIO EMILIA – EA7 MILANO 71-72

GRISSIN BON REGGIO EMILIA
: Mussini 3, J.Wright 11, Bonacini, Candi 5, Della Valle 15, White 8, Reynolds 17, Markoishvili 10, Cipolla, Dellosto, Llompart 2, De Vico. Allenatore: Menetti.

EA7 MILANO: Micov, Pascolo 2, Fontecchio, Cinciarini 4, Cusin 1 Abass 2, M’Baye 3, Theodore 10, Jefferson 5, Bertans 11, Jerrells 16, Gudaitis 18, Allenatore: Pianigiani.

Parziali: 14-15; 21-26; 15-12; 21-19.

Arbitri: Mazzoni, Borgioni, Borgo.

Ufficio Stampa Olimpia Milano

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: