Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

Serie A2: la Poderosa Montegranaro fermata in casa dalla Pallacanestro Mantova

Si ferma contro una Dinamica Generale Mantova mai doma l’imbattibilità della XL EXTRALIGHT®, che in un sol colpo ferma a sette la sua striscia di vittorie consecutive e dà il primo dispiacere stagionale al pubblico di casa. Un gran peccato perché i gialloblu, pur in una partita a corrente alternata, sembravano avere la vittoria praticamente in pugno nel finale. Una pazzesca tripla di Brownridge (6/14 dall’arco per 20 punti) e soprattutto un non-fischio sul tiro del potenziale controsorpasso gialloblu a fil di sirena di Rivali abbattono però una Poderosa cui però vanno solo applausi per l’ennesima prestazione gagliarda. Non sono bastati né un Corbett che ha provato fino in fondo a mettere lo zampino dell’ex sulla sfida, né un Rivali che ancora una volta nel finale si è erto a faro della squadra, anche perché i veregrensi hanno pagato i problemi di falli di Powell, uscito quando di minuti da giocare ancora ne mancavano quasi sei.

Rammarico è la parola che racchiude il match dei gialloblu, che avevano subito preso in mano le redini della gara pur sentendo sempre il fiato sul collo degli Stings. Fin quando l’attacco va la Poderosa tiene il naso avanti, ma un piccolo passaggio a vuoto nel cuore del secondo periodo presta il fianco allo scatto mantovano. Cinque punti in fila di un sonnolento Candussi spingono Mantova al massimo vantaggio (28-34 al 17’) ma i lombardi sprecano molti tiri aperti e la XL EXTRALIGHT® ne approfitta per ricucire lo strappo poco prima dell’intervallo lungo, cui si va perfettamente in parità a quota 34. L’inizio di terzo quarto è pirotecnico, le due squadre alzano i ritmi ma stranamente l’alta intensità penalizza la Poderosa, che rischia addirittura il tracollo quando Brownridge fallisce la tripla del possibile +11 ospite (46-54 al 27’).

Ci pensa Maspero a girare l’inerzia della gara: 8 punti a cavallo tra terzo e quarto periodo rilanciano la Poderosa, che tocca più volte il +4 senza però riuscire a scappare, anche perché perdere per strada per falli Powell non è mica cosa da poco. Quando però Rivali ipnotizza la difesa mantovana con il palleggio arresto e tiro e Corbett dalla lunetta scrive 78-74 a 1’ esatto dalla sirena più di uno dei 2600 del PalaSavelli hanno pensato fosse fatta. E invece prima Jones ricuce col 2/2 dalla lunetta e poi Brownridge punisce colpendo dall’angolo con 15” ancora da giocare. Niente panico, c’è tutto il tempo per costruire il tiro della vittoria. Se lo prende Rivali, che ubriaca Moraschini a suon di finte e va per il lay-up decisivo.

I contatti non mancano, ma per gli arbitri è tutto regolare e allora alla Poderosa non resta che spendere il fallo proprio sull’ex Virtus Bologna per fermare il cronometro a 2” dalla sirena. Fuori misura il primo tiro libero, sbagliato di proposito il secondo per non dare modo a coach Ceccarelli di disegnare un ultimo schema d’attacco. Ma a rimbalzo svetta più in alto di tutti Candussi, che gela le residue speranze gialloblu.
Il sapore della sconfitta stavolta è particolarmente amaro, ma niente panico: la classifica è ancora scintillante e l’occasione per rifarsi arriverà a breve, anzi brevissimo: mercoledì al PalaNorda ad attendere c’è Bergamo nel remake della finale che consegnò ai gialloblu la A2 non più di sei mesi fa.

Queste le parole di coach Ceccarelli in sala stampa: “Mi accusano di fare spesso il piantino, ma l’avevo detto che Mantova è una super squadra e oggi ha vinto con merito. Avevo fatto notare che è la migliore squadra a rimbalzo offensivo e hanno vinto la partita su quello. Torniamo un attimo sulla Terra: abbiamo perso di 1 contro una squadra super, costruita per altri obiettivi rispetto ai nostri. A volte le sconfitte servano più delle vittorie. Abbiamo subito tanto anche perché abbiamo dovuto giocare troppo senza il nostro lungo americano e su questo dovremo riflettere. Avere Powell per solo 22’ contro una squadra del genere non è possibile. La mia colpa è che se con falli fa spendere una volta regaliamo tre liberi a Jones e una volta lasciamo il tiro da tre al loro miglior tiratore, Brownridge, vuol dire che non mi sono saputo spiegare io.

Ma Rivali prende un chiaro sfondamento non ravvisato e non capisco perché non sia stato fischiato fallo a Moraschini sulla sua penetrazione nei secondi finali. Avevo chiesto proprio di andare a cercare i due liberi dato che Mantova aveva esaurito il bonus. E non capisco perché una squadra che tira 43 volte da tre punti prendendo 16 rimbalzi in attacco tiri più tiri liberi di noi. Comunque, ci siamo giocati punto a punto senza un americano perdendo di uno contro una squadra come Mantova. Fa male, anzi malissimo, ma non è la fine del mondo. Per fortuna abbiamo pochissimo riposo perché così possiamo subito tornare in campo e reagire. Anche se a Bergamo sarà un’altra battaglia, fisica e tattica. Abbiamo avuto un autunno molto bello, ora arriva l’inverno, arriva un calendario difficile, dobbiamo essere consci anche di questo”.

Queste le parole di Rivali in sala stampa: “Prima o poi questo momento sarebbe dovuto arrivare. Speravamo di proseguire il più possibile la nostra striscia positiva però oggi non siamo mai riusciti ad esprimerci al massimo. Bisogna anche dare merito a Mantova di aver risposto con scrupolo ad ogni nostro tentativo di fuga anche nel terzo quarto, quando avevamo trovato degli ottimi canestri. Sapevamo che potevano farci male a rimbalzo d’attacco con la loro fisicità e così è stato. Poi nei finali punto a punto gli episodi fanno la differenza. L’ultimo tiro? C’era proprio fallo, anche reiterato perché io ho sentito almeno 2-3 colpi sul braccio. Sta di fatto che dovevamo essere più bravi noi quando eravamo sul +4, ma quello era fallo senza dubbio”.

XL EXTRALIGHT® MONTEGRANARO-DINAMICA GENERALE MANTOVA 78-79

MONTEGRANARO
: Angellotti ne, Scocco ne, Rivali 10, Campogrande 7, Maspero 8, Treier, Zucca 5, Corbett 21, Amoroso 14, Powell 10, Gueye 3. All.: Ceccarelli.

MANTOVA
: Vencato 5, Jones 18, Costanzelli ne, Brownridge 20, Moraschini 8, Ferrara, Timperi 4, Candussi 14, Mei, Cucci 10. All.: Lamma.

PARZIALI
: 22-19, 12-15, 21-23, 23-22.

Ufficio stampa Poderosa Pallacanestro Montegranaro

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: