Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

Promozione B: i protagonisti del campionato, intervista a Marco Burzacchini (Dinamis Falconara)

Tra le squadre protagoniste del Girone B del campionato di Promozione c'è sicuramente la Dinamis Falconara, che dopo aver sfiorato la promozione in Serie D la passata stagione ha, quest'anno, tutte le carte in regola per riprovarci. Una campagna acquisti estiva mirata a rinforzare ed allungare il roster, non ultimo l'inserimento due settimane fa di un giocatore come Tiziano Gambi reduce da diverse stagioni in categorie superiori, ma anche la crescita di tanti ragazzi che già lo scorso anno erano in maglia Ciao Giò. Tra questi c'è Marco Burzacchini, ala forte classe 1995, che nel campionato in corso ha praticamente raddoppiato il suo fatturato in termini di punti, andato in doppia cifra in quattro delle otto gare disputate, che lo hanno reso il miglior marcatore della squadra falconarese.

- Ciao Marco, parliamo un attimo di te e di quelle che sono state le tappe della tua carriera.
"Ho iniziato a giocare all'età di 9 anni a Falconara, nella squadra della mia città. A 14 anni sono poi passato alla Stamura Ancona con la quale ho fatto tutta la trafila del settore giovanile fino all'Under 19. Poi ho giocato un anno a Senigallia dove ho fatto parte dell'Under 19 e contemporaneamente ho disputato il campionato di Serie C2 con la Maior. Ed ora sto disputando la seconda stagione consecutiva con la Dinamis."

- Martedì sera avete subito la vostra seconda sconfitta stagionale sul campo dell'Ignorantia Pesaro. Che partita è stata?
"E' stata un'occasione persa. Avremmo dovuto provare a chiudere la gara nel secondo quarto quando siamo riusciti a toccare un vantaggio anche di dieci punti. Poi abbiamo pagato un black out che ha permesso ai nostri avversari di rientrare in partita. Ci siamo presentati alla partita con soli 9 giocatori e ci siamo ben presto caricati anche di falli e questo ha pesato soprattutto nella seconda parte di gara."

- La società ha fatto un grande lavoro per rinforzare la squadra, mi pare chiaro che il vostro obiettivo sia la Serie D.
"Sono anni che la Ciao Giò punta alla promozione in Serie D. L'anno scorso abbiamo disputato un'ottima regular season e poi siamo usciti nei playoff, quest'anno il roster è sicuramente più completo in ogni ruolo, ci sono più giocatori con punti nelle mani e potenzialmente pericolosi, e questo rende tutti importanti, ma soprattutto siamo anche più imprevedibili per i nostri avversari che fanno fatica ad identificare i nostri punti di riferimento."

- Rispetto allo scorso anno anche il tuo rendimento è notevolmente migliorato. Che cosa è cambiato?
"Nel mio ruolo siamo praticamente in 3, per cui sto giocando più minuti rispetto alla passata stagione. Ho maggiori possibilità in attacco ed ho la possibilità di prendermi più tiri. Mi sento sicuramente più coinvolto nel gioco della squadra e questo mi ha permesso di acquisire gradualmente più fiducia in campo."

- Siete stati inseriti in girone diverso rispetto al campionato scorso. Come ti sembra il livello di quest'anno?
"Non abbiamo incontrato ancora tutte le squadre quindi non posso dare un giudizio definitivo. La novità principale di questa stagione è rappresentata dal fatto che ce la dobbiamo vedere con alcune squadre pesaresi. A parer mio il girone dello scorso ano era più difficile e competitivo, tanto che le sei finaliste dei playoff erano tutte provenienti dal nostro raggruppamento. Squadre forti come potevano essere i Brown Sugar Fabriano oppure il New Basket Jesi non le ho ancora incontrate."

- E fino ad ora quali ti sono sembrate le squadre più forti?
"Nel nostro girone sicuramente Chiaravalle, che è una squadra completa e molto forte. Anche i PCN Pesaro, che noi abbiamo incontrato e battuto nella prima giornata, sono cresciuti tanto nelle ultime settimane e mi sembra che abbiano tutte le carte in regola per fare bene. L'importante comunque sarà arrivare in buona condizione nei playoff, dove tutto si decide ed ogni squadra può tornare in gioco."

- A fine stagione potrai ritenerti soddisfatto se....
"Sarò soddisfatto se saremo riusciti a centrare quello che l'obiettivo della nostra squadra e della società, ovvero la promozione in Serie D. Sarebbe un bellissimo risultato per tutti noi, ma soprattutto lo potremmo dedicare a Davide, che ci ha lasciati da poco, ed a tutta la sua famiglia."

Giuseppe Contigiani

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: