Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

Serie B Nazionale: lo Janus Fabriano paga una brutta fase centrale di gara contro Pescara

Luce, buio, luce. Questa è la Janus della XIV^ giornata del Girone C della Serie B, che ospita una Pescara pronta ad agguantare il secondo posto in graduatoria. Fatali ai cartai i periodi centrali di gioco, che spianano la strada alla compagine di coach Rajola.
Partono con il piglio giusto i padroni di casa, trascinati da quattro soluzioni in fila dal perimetro di Simone De Angelis (chiuderà con sei triple su dieci tentativi) e Fabrizio Gialloreto. La Janus sembra improvvisamente quella del mese di novembre, tanto da spaventare la panca in divisa rossa, subito pronta a rifugiarsi nel minuto di sospensione. Emorragia interrotta, perché Mathias Drigo, prima dall'angolo destro, poi dall'angolo mancino, rimette subito in sesto la situazione, è 22-16 al 10'.

Le squadre tornano imballate sul parquet, la buona pallacanestro della prima frazione lascia spazio ad un gioco maschio, dal quale, negli ultimi due giri di lancette, esce vincitrice Pescara. Bini dalla panca è la croce della Ristopro ed in un amen piazza tre soluzioni dai 6 metri e 75. Sirena finale e lancio di peluche per il “Teddy Bear Toss”, che chiudono un secondo periodo da quattro punti realizzati. Copia-incolla la terza frazione, quando i ritmi dei beniamini del PalaGuerrieri si abbassano drasticamente e Pescara trova in Masciarelli e Leonzio i punti validi per toccare addirittura quota diciotto lunghezze di margine. Michele Bugionovo sale in cattedra e gestisce la maggior parte delle soluzioni offensive biancoblù, trovando in più di un'occasione la retina.

E' una partenza sprint nell'ultimo quarto poi a riaccendere gli animi e la cattiveria agonistica della compagine di coach Aniello, trascinata da un sontuoso Simone De Angelis (26+11 rimbalzi alla sirena) e da un Lorenzo Bruno sempre positivo nel pitturato. E' proprio dal rimbalzo offensivo di quest'ultimo che nasce un gioco da tre punti valido a rimettere Fabriano ad appena quattro lunghezze di distanza. Non viene poi capitalizzata con un'infrazione di 24” la palla recuperata da Fabrizio Gialloreto. L'Amatori allora punisce! Drigo è chirurgico dalla punta, Simone De Angelis risponde con una tripla impossibile cadendo indietro ma.. manca il tempo. Finisce 65-70 per una Pescara che esce meritatamente con i due punti in mano.
Ultima giornata del girone d'andata a Nardò, contro una Frata lanciatissima. Palla a due fissata per le ore 20.30 del 23 dicembre.

Ristopro Fabriano - Amatori Basket Pescara 65-70 (22-16, 4-19, 16-22, 23-13)

Ristopro Fabriano
: De Angelis 23, Bruno 14, Gialloreto 12, Bugionovo 7, Jovancic 4, Vita Sadi 3, Cimarelli 2, Dri, Quercia, Cicconcelli, Fanesi, Cummings. All. Aniello, Ass. All. Tavares, Panzini.

Amatori Basket Pescara
: Drigo 24, Capitanelli 11, Masciarelli 10, Leonzio 10, Bini 9, Caverni 4, Grosso 2, D'Eustachio, Taglieri, Boscherini. All. Rajola.

Lorenzo Ciappelloni – Ufficio Stampa Janus Basket Fabriano

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: