Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

Serie B Nazionale: nota del Basket Recanati in merito ai fatti della gara contro San Severo

La U.S Basket Recanati (intesa come squadra, staff e intera compagine societaria) intende esprimere tutta la vicinanza e solidarietà al proprio tesserato Yande Fall, di origine senegalese. Durante la partita disputatasi ieri sera al PalaCingolani di Recanati (MC) tra la locale U.S.B.R. e l’Allianz Pazienza San Severo, l’ala-centro n.7 della formazione recanatese è infatti stata fatta oggetto di beceri “buuuu” razzisti da parte di una circoscritta ma rumorosa fazione dei sostenitori ospiti, che hanno anche rivolto all’atleta di colore insulti di matrice razziale.

Gli spiacevoli episodi, già iniziati nel corso del 1° tempo, sono culminati al 29° minuto di gioco quando Fall, nel tentativo di recuperare una palla destinata ad uscire, si è trovato proprio sotto alla zona occupata dal pubblico di San Severo ed ha dovuto incassare l’ennesima dose di insulti. A quel punto il giocatore, esasperato, ha reagito indicando verso i suoi detrattori il colore della pelle delle proprie braccia, baciandole più volte (come per altro dimostrano chiaramente le immagini tv). Una reazione tanto lecita quanto intelligente, che però non ha trovato l’appoggio di coloro i quali avrebbero dovuto comprenderlo e, ancor prima, tutelarlo: gli arbitri.

Uno dei due direttori di gara, infatti, ha pensato bene, tra lo stupore generale, di intervenire per sanzionare la vittima, comminando a Fall un fallo tecnico. Un episodio che non esitiamo a definire sconcertante, almeno quanto gli insulti subiti dal giocatore per quasi mezz’ora di gioco.
La U.S.Basket Recanati tende a precisare da un lato che l’ignoranza di pochi non può macchiare il nome della totalità del pubblico di San Severo salito a Recanati, ma allo stesso tempo non può fare a meno di stigmatizzare e condannare l’episodio che non ha diritto di cittadinanza nella pallacanestro italiana, movimento che, a differenza di altri sport, nel nostro Paese si è sempre distinto come capofila di integrazione e rispetto delle diversità.

Dispiace ancor di più che i direttori di gara (che come tutti i presenti al palasport hanno ascoltato chiaramente ed a più riprese i “buuuu” razzisti nei confronti di Yande Fall) abbiano voluto sanzionare il giocatore, che non ha fatto altro che sottolineare con un gesto civile la fierezza per il colore della propria pelle senza scendere a livello di chi lo oltraggiava, senza prima mettere in atto tentativi affinché le reiterate offese razziali cessassero.
Tutto ciò nulla toglie al pieno merito del risultato sportivo maturato sul campo a favore dell’Allianz Pazienza San Severo, che ha ottenuto i due punti conducendo la gara dall’inizio alla fine e legittimando il proprio primato a punteggio pieno nel girone C della Serie B.

Ufficio Stampa U.S.Basket Recanati

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: