Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

Serie A: Vuelle Pesaro, Marco Ceron chiarisce le incomprensioni con i tifosi di Domenica

La partita di domenica contro Avellino, che ha visto la VL rimontare gli irpini e giocarsela fino in fondo, ha avuto un’appendice polemica che ha coinvolto anche il capitano Marco Ceron. Per questo motivo, e per chiudere questo episodio, abbiamo deciso di incontrarlo e chiedere direttamente a lui cosa è successo.

Marco, domenica hai giocato una vera partita in maglia VL, ma è successo qualcosa di non tecnico che ti chiediamo di spiegarci.
Domenica era una partita molto importante. Venivamo dalla sconfitta di Pistoia che non meritavamo e avevamo bisogno tutti di riscattarci soprattutto in casa davanti a i nostri tifosi. Dentro di me avevo una gran rabbia perché vengo da un periodo difficile durante il quale le mie medie sono scese. E’ come per un calciatore che non fa gol…, entri in un vortice non bello che ti disorienta.

Sembra che il tuo feeling con i tifosi si sia incrinato.
Assolutamente! Sono a Pesaro da tre anni, e quando giochiamo in casa ci aspettiamo sostegno dai nostri tifosi. In quel momento non ho sopportato i mugugni e così ho reagito forse in maniera un po’ troppo forte. Sono una persona sensibile, e nel bene e nel male questo mi condiziona, ma per certo io sono legato a Pesaro, alla città, alla maglia ed ai suoi tifosi.

Quindi possiamo stare tranquilli?
Da parte mia non c’è stato nulla. Nè tantomeno sono vere le voci di una mia insofferenza con la città ed escludo categoricamente che sono andato da Ario e Stefano per chiedere di andar via. Queste sono falsità e cattiverie!

Allora te la senti di mandare un messaggio ai tifosi?
Certo…dico a tutti di stare tranquilli ma soprattutto di stare vicino alla società ed a noi giocatori in particolare. Ne abbiamo bisogno e vorremmo sentire sempre l’affetto come ieri sera in mezzo ai ragazzi (alla festa dei Bees, ndr).

Buon Natale Marco.
Buon Natale a tutta Pesaro!!!

Ufficio Stampa VL

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: