Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

Promozione D: i protagonisti del campionato, intervista a Luciano Luciani (Il Picchio Civitanova)

Campione d'inverno del Girone D al termine del girone di andata, Il Picchio Civitanova si ripropone anche quest'anno come una delle protagoniste del campionato di Promozione, con il chiaro intento di giocarsi fino alla fine uno dei pass per la Serie D Regionale.

Uno dei punti di riferimento della squadra civitanovese, che negli ultime tre stagioni è arrivata due volte in finale ed una in semifinale playoff, è sicuramente Luciano Luciani, playmaker classe 1984, autore fino ad ora di oltre 8 punti a partita, con un high di 21 contro il Pedaso Basket. E proprio con Luciano abbiamo fatto il punto della situazione sulla prima parte di stagione della propria squadra.

- Ciao Luciano, il girone di andata vi ha visto assoluti protagonisti con un ruolino di marcia fatto di nove vittorie ed una sola sconfitta.
"E' stato un cammino senz'altro positivo, fare di meglio era praticamente impossibile. Però devo dire che abbiamo avuto tanti alti e bassi all'interno delle singole partite, per cui penso che possiamo ancora migliorare e crescere. Siamo ancora alla ricerca della nostra identità definitiva e degli equilibri migliori. Adesso ci aspetta un girone di ritorno da affrontare al massimo, per poi presentarci nelle migliori condizioni possibile ai playoff."

- Parlaci un attimo della tua squadra, mi pare che rispetto allo scorso anno di diverso ci sia solo il nome.
"E' vero, lo scorso anno abbiamo fatto il campionato come Virtus Civitanova e quest'anno come Il Picchio. In realtà per il resto non è che sia cambiato tanto. L'ossatura della squadra è rimasta praticamente la stessa con un paio di nuovi innesti, che comunque erano delle nostre vecchie conoscenze. Negli ultimi anni abbiamo sempre fatto bene, ed anche in questa seconda parte di stagione vogliamo continuare sugli stessi binari del girone di andata."

- Come giudichi il livello del vostro girone?
"Lo scorso anno abbiamo disputato il girone con tutte le squadre maceratesi, per cui quello di quest'anno è completamente diverso. Mi sembra che il campionato sia di buon livello con diverse squadre interessanti. Credo che la qualità Girone C sia un pò più alta rispetto al nostro, però il nostro in questa stagione ha visto un livellamento dei valori verso l'alto soprattutto per ciò che riguarda le squadre che occupano le prime posizioni della classifica."

- Qual'è il vostro obiettivo? Ci può essere la Serie D Regionale nel vostro futuro?
"Il nostro obiettivo è quello di provare a vincere il campionato e di provare a salire in Serie D. Nelle ultime due stagioni per due volte siamo arrivati in finale, e lo scorso anno in semifinale; per cui credo che sia giunto il momento di toglierci una bella soddisfazione. Negli anni scorsi Il Picchio ha disputato per tante stagioni la Serie D per cui vogliamo riportare questa società in quel campionato."

- E quali pensi siano le squadre più attrezzate per vittoria finale?
"Su tutte vedo lo Sporting Porto Sant'Elpidio e l'Amandola Basket. Anche se, come dicevo prima, il livello soprattutto nella parte alta della classifica si è alzato rispetto al passato, queste due squadre mi sembrano quelle che potranno dire la loro fino alla loro. Però se pensiamo ai playoff non possiamo dimenticarci le squadre del Girone C, contro le quali giocheremo contro nella seconda fase. In quel girone quelle che vedo messe meglio sono sicuramente i Bad Boys Fabriano e la Vigor Matelica, con Morrovalle subito dietro."

- A Civitanova l'altra grande protagonista della palla a spicchi è sicuramente la Virtus, che, da neopromossa, sta disputando un campionato più che positivo.
"Stanno disputando un ottima stagione, e credo che sia stato fondamentale confermare l'ossatura della squadra che lo scorso anno ha vinto la Serie C. Questo è un segnale che la scoietà ha lavorato, ma soprattutto programmato, molto bene. In estate sono stati inseriti due giocatori molto importanti per la categoria come Gennaro Tessitore e Coviello, oltre ad un giovane molto promettente come Cassese. Hanno tutte le carte in regola per continuare a regalare soddisfazioni alla città."

- E più in generale qual'è lo stato di salute della pallacanestro a Civitanova?
"Complici anche i risultati della Virtus devo dire che l'attenzione e la passione, che comunque a Civitanova non sono mai state a livello altissimo, verso la pallacanestro sono in crescita. I risultati sicuramente aiutano, ma la concorrenza del calcio e negli ultimi anni del volley sono sempre molto forti. L'unico modo per avvicinare la gente è continuare a lavorare bene e con serietà come stiamo facendo."

Giuseppe Contigiani

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: