Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

D Regionale: i protagonisti del campionato, intervista a Giorgio Monteriù (Cab Stamura Ancona)

Età media 20 anni, bilancio in campionato fatto di 8 vittorie e 4 sconfitte, secondo posto in classifica. Questi sono i principali numeri della prima parte di stagione del Cab Stamura Ancona che ormai non è solamente una sorpresa del campionato di Serie D Regionale, ma una bella realtà.

Tra i principali protagonisti dello splendido campionato della squadra allenata da coach Emiliano Benini c'è Giorgio Monteriù, ala piccola classe 1999, autore fino ad ora di 14,3 punti a partita con un high di 25 punti realizzati nella vittoriosa trasferta sul campo dei Brown Sugar Fabriano. E proprio con Giorgio tracciamo un primo bilancio sulla stagione dei biancoverdi alla vigilia dello scontro diretto contro il Basket Auximum Osimo.

- Ciao Giorgio, siete reduci da una bella vittoria conquistata a Morrovalle contro i Fochi. Il modo migliore per iniziare il 2018 ed il girone di ritorno.
"E' stata una bella vittoria arrivata al termine di una partita molto fisica ed intensa. Sapevamo che la partita sarebbe stata molto difficile e memori anche della sconfitta subita nella gara di andata siamo scesi in campo molto carichi e concentrati. La sfida è stata in equilibrio per i primi due quarti, poi siamo riusciti ad allungare in maniera importante, e siamo riusciti a gestire con tranquillità gli ultimi minuti."

- Fino ad ora la vostra è stata un'ottima stagione, forse oltre ogni più rosea aspettativa. Quali pensi siano i vostri margini di miglioramento?
"Fino ad ora abbiamo fatto bene, ma abbiamo ancora ampi margini di crescita. Possiamo sicuramente fare meglio e dobbiamo ancora crescere sotto diversi aspetti ma per farlo dobbiamo tornare ad allenarci al massimo e con continuità cosa che negli ultimi periodi non siamo riusciti a fare per vari motivi. Per fare un ulteriore passo in avanti dobbiamo essere più continui e concreti durante l'intero arco della partita."

- La vostra squadra ha un'età media intorno ai 20 anni. Quali sono i pregi e quali invece le difficoltà maggiori per una squadra così giovane in campionato come la Serie D Regionale.
"I pregi posso essere tanti: l'entusiasmo, la voglia di dimostrare che possiamo fare bene in un campionato difficile come questo e la possibilità di giocare ad alti ritmi. Mentre la difficoltà principale è legata soprattutto all'inesperienza. Inoltre siamo un gruppo molto affiatato composto da ragazzi che si conoscono da tanto e che gioca insieme da tanti anni."

- Dal punto di vista individuale stai disputando un ottimo campionato. Sotto quali aspetti hai ancora ampi margini di miglioramento?
"Devo sicuramente migliorare nella gestione del tiro e nelle scelte, soprattutto in quelle fasi della partita quando la palla pesa parecchio. E poi devo ancora acquisire maggiore sicurezza in me stesso e nei miei mezzi. Insomma ho ancora tanto lavoro da fare per crescere come giocatore."

- Come giudichi il livello di questo campionato?
"Onestamente non mi aspettavo un livello basso, e per quello che ho visto fino ad ora non sono stato smentito. E' un campionato molto intenso e fisico, composto da tante ottime squadre e che fino ad ora è stato molto equilibrato. Ci sono tanti buoni giocatori, anche parecchio esperti ma che reggono ancora alla grande il campo."

- Quali pensi che siano le squadre migliori tra quelle che hai incontrato fino ad ora.
"Osimo, Tolentino e Basket Fermo sono le squadre che mi hanno impressionato di più, e sono anche state quelle più difficili da affrontare. Penso che lotteranno fino alla fine per i primi posti della classifica e che potranno fare strada fino ai playoff. E' un campionato comunque dove bisogna affrontare la partita con la massima attenzione e concentrazione, nel quale si può vincere e perdere contro chiunque, come dimostra la vittoria di San Severino contro Tolentino dell'ultima giornata."

- Quale pensi possa essere il vostro obiettivo?
"Noi non abbiamo nulla da perdere e questo ci permette di affrontare ogni partita con estrema serenità e con tanto entusiasmo. Noi non ci accontentiamo assolutamente di quanto abbiamo fatto fino ad ora, e vogliamo provare ad arrivare più in alto possibile. L'obiettivo è quello di arrivare ai playoff nella migliore posizione di classifica possibile, e nella migliore condizione fisica e mentale possibile."

- Ed invece per quello che ti riguarda qual'è un tuo sogno nel cassetto?
"Il mio obiettivo principale è quello di dare sempre del mio meglio e di fare il massimo secondo le mie potenzialità. Voglio continuare a divertirmi e cercare di migliorare giorno dopo giorno."

Giuseppe Contigiani

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: