Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

Serie A: l'analisi di coach Leka dopo la sconfitta della Vuelle Pesaro a Bologna

Questa l'analisi del coach della VL Spiro Leka fatta in sala stampa la sconfitta del PalaDozza contro la Segafredo Virtus Bologna, e riportate dall'ufficio stampa della società pesarese.

“Abbiamo dovuto rincorrere fin da subito e così facendo abbiamo perso certezze. Loro ci hanno messo molta pressione e ci hanno anticipato spesso, soprattutto nelle ricezioni. Dopo un primo quarto terribile abbiamo avuto una reazione ma purtroppo quello che abbiamo speso per provare a recuperare alla fine ci ha portato a non essere lucidi, altrimenti non si spiegano i 5-6 lay up facili sbagliati”, ha spiegato.

“Volevamo tornare sotto di 10 punti per provare a giocare il match fino alla fine. Per 3 quarti abbiamo giocato alla pari ma il primo quarto ha deciso la partita. Abbiamo insistito troppo in pick and roll mentre abbiamo fatto meglio nei giochi con le uscite dove abbiamo giocato alla pari. Purtroppo nel pomeriggio Ceron ha avuto un attacco influenzale, così abbiamo chiesto uno sforzo in più agli altri. Dobbiamo essere pronti anche agli imprevisti, dobbiamo trovare dentro noi stessi le forze, il potenziale lo abbiamo, ma stasera i nostri punti di riferimento nel primo quarto hanno bucato in pieno la partita”, ha detto.

“Dobbiamo subito concentrarci per il prossimo match con Torino. Dobbiamo assolutamente muovere la classifica, purtroppo abbiamo perso partite di pochi punti e ora paghiamo”, ha concluso.

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: