Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

D Regionale: verso il big match Aesis Jesi - Fermignano, le parole di coach Francioni

E' la settimana che porta al grande scontro diretto tra le due squadre che stanno dominando il girone A del campionato di Serie D Regionale. Venerdì sera al PalaTriccoli (palla a due alle ore 21:15), l'Aesis Jesi riceverà la Pallacanestro Fermignano. Da una parte la società jesina proverà ad interrompere l'imbattibilità della capolista ed a riaprire la corsa per il primo posto, dall'altra la squadra di coach Paolucci proverà a chiudere definitivamente il discorso per il primato. All'andata vinsero i fermignanesi con il punteggio di 83-80, motivo in più per i leoncelli per provare a vendicare quella che fu la loro prima sconfitta stagionale. Ed insieme a coach Francesco Francioni facciamo il punto della situazione in casa Aesis.

- Ciao Francesco, iniziamo subito con la grande novità che ho appreso proprio nelle ultime ore, ovvero della tua riconferma ad allenatore dell'Aesis Jesi anche per la prossima stagione.
"Sono davvero molto contento di essere stato confermato anche per la prossima stagione. L'Aesis è una società seria, organizzata, competente, composta da gente seria ed appassionata. Se stiamo facendo bene in questa stagione è anche merito di tutti i nostri dirigenti. Il Presidente Walter Lardinelli, Carlo Cardinaletti, Morris Pigini e Andrea Riciputi sono tutte figure fondamentali che ci permettono di lavorare al meglio delle nostre possibilità. Per questo non appena la società mi ha prospettato la possibilità di proseguire il nostro rapporto ho accettato senza alcun indugio."

- Torniamo al campionato. Siete reduci da una vittoria molto importante sul campo della lanciatissima Acqualagna.
"Personalmente temevo molto la partita di Acqualagna. Noi venivamo da una settimana nella quale avevo necessariamente dovuto rallentare il solito lavoro per permettere a che aveva qualche acciacco di recuperare, ma nonostante ciò abbiamo approcciato la gara nella maniera migliore, e questo ci ha facilitato le cose. La squadra di coach Renzi aveva fatto molto bene negli ultimi due mesi, ma noi siamo stati bravi sia in attacco che in difesa portando a casa due punti molto importanti."

- La tua squadra appare in costante crescita specie nei suoi elementi più giovani. E' vero che avete in Mosca e Conte i vostri riferimenti offensivi, ma uno dei segreti della vostra stagione sta nella maturazione di tutto il gruppo.
"La squadra sta crescendo tanto settimana dopo settimana. I ragazzi più giovani lavorano tanto tutti i giorni e sono migliorati parecchio. Oltre a Mosca e Conte, che per continuità di rendimento stanno disputando un'ottima stagione, anche gli altri si stanno ritagliando un ruolo importante. Vorrei sottolineare anche l'atteggiamento che i giocatori più esperti hanno avuto fino ad ora nei confronti degli under, sempre positivo e disponibile. E questo non ha fatto altro che compattarci ed aiutarci a crescere come gruppo."

- Quali sono gli aspetti nei quali dovete ancora crescere maggiormente?
"L'aspetto nel quale dobbiamo ancora migliorare è sicuramente la continuità in attacco. La difesa fino ad ora è stata sempre una delle nostre armi principali, mentre nella fase offensiva spesso siamo andati ad intermittenza, anche perchè la squadra è stata completamente ricostruita in estate ed ancora non abbiamo trovato i nostri equilibri migliori."

- Venerdì sera riceverete la visita della capolista Fermignano. Che partita ti aspetti?
"Spero che possa essere una bella gara, esattamente come lo è stata quella di andata. Fermignano è una squadra molto forte, rodata, completa in ogni ruolo, e che in pratica lavora insieme da due anni. Giocano una bella pallacanestro, secondo me anche di categoria superiore. Ci aspetta una partita molto difficile, ma che non vediamo l'ora di giocare."

- Il primo posto in regular season è sicuramente importante, anche se conterà arrivare al massimo della forma nei playoff.
"Noi stiamo lavorando proprio in funzione della offseason. In queste ultime settimane sto cercando di gestire le forze e di adeguare i ritmi del lavoro settimanale in funzione delle condizioni fisiche dei miei giocatori. Ci teniamo a interrompere l'imbattibilità del Fermignano ed a vendicare la sconfitta dell'andata, ma il nostro lavoro è mirato ad arrivare al top della forma tra due mesi."

- Buttando un occhio al girone B che incrocerete nei playoff, quali pensi siano le squadre che si giocheranno la promozione in Serie C?
"Ad inizio stagione credevo che il nostro gruppo fosse il migliore tra i due, ed invece ho notato che nel girone B c'è un grande livellamento verso l'alto dei valori. Tolentino, Cab Stamura, Auximum Osimo e Brown Sugar Fabriano sono delle ottime squadre che si giocheranno la promozione fino alla fine."

- Arrivati a questo punto della stagione, qual'è realmente il vostro obiettivo?
"Ad inizio campionato il nostro principale obiettivo era quello di dare il via ad un nuovo corso basato su una squadra composta da due giocatori storici dell'Aesis come Santinelli e Mosca, dall'inserimento di tre senior come Conte, Strappato e Peloni, e da un gruppo di under che volevano assolutamente far crescere e migliorare. Il nostro obiettivo è quello di continuare a lavorare e crescere giorno dopo giorno. Arrivati a questo punto però è normale che ci giocheremo tutte le nostre carte ma senza alcuna pressione particolare."

Giuseppe Contigiani 

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: