Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

Promozione A: i protagonisti del campionato, intervista a Moreno Maciaroni (Basket Vadese)

Seconda forza del Girone A del campionato di promozione, dopo la sconfitta nella finale playoff dello scorso anno il Basket Vadese ha tutte le intenzioni di riprovarci anche quest'anno a conquistare uno dei pass per la prossima Serie D Regionale. E Venerdì a Sant'Angelo in Vado arriverà proprio la capolista, quei Wildcats Pesaro che ad oggi sono l'unica squadra imbattuta dell'intero campionato di Promozione. Una sfida molto attesa e che si preannuncia intensa e spettacolare, e che andiamo a presentare insieme a Moreno Maciaroni, capitano della squadra gialloverde.

- Ciao Moreno, Venerdì sera riceverete la visita della capolista, una ghiotta occasione sia di salire in testa alla classifica che di interrompere l'imbattibilità dei gattacci.
"Ci aspetta una partita veramente difficile. Nella gara di andata abbiamo dimostrato di potercela giocare con loro, per cui siamo molto carichi e fiduciosi in vista della partita di Venerdì sera. Noi rispetto alla prima parte di stagione siamo cresciuti parecchio e non poteva essere altrimenti visto in estate la squadra è stata profondamente rinnovata rispetto allo scorso anno. Credo che sarà una partita equilibrata e che si deciderà alla fine, che mostrerà maggiore lucidità nei momenti decisivi la spunterà."

- All'andata avete perso con uno scarto di 8 punti. In caso di vittoria e ribaltando la differenza canestri riaprireste del tutto la lotta per il primo posto.
"E' vero abbiamo la possibilità di provare a riaprire i giochi per il primato nel girone, ma onestamente in questo momento non facciamo questi pensieri. Battere i Wildcats sarebbe molto importante sia per la classifica che per il morale, ma sono convinto che ai fini dei playoff arrivare primi o secondi non sia così differente. La post season è un nuovo campionato, nel quale oltretutto incroceremo le squadre del Girone B per cui i valori saranno di nuovo mescolati e stravolti."

- A proposito del Girone B, hai avuto modo di capire quali potrebbero essere le squadre in grado di giocarsi i pass per la Serie D fino alla fine?
"Conosco alcune squadre, specie le pesaresi, ma non tutte per poter dare un giudizio equilibrato. Credo che sia decisivo lo stato di forma sia fisico che mentale con il quale si arriverà ai playoff. Basti pensare che noi lo scorso anno terminammo la regular season al quinto posto, e poi arrivammo fino in finale."

- A che punto siete del vostro processo di crescita?
"Abbiamo le possibilità di migliorare sotto ogni punto di vista. L'unico aspetto nel quale non credo che possiamo fare di più è quello del gruppo e dell'affiatamento. Ci alleniamo sempre in almeno dodici giocatori, chi non viene convocato segue lo stesso la squadra sia in casa che trasferta e l'aria che si respira in spogliatoio è davvero ottima. Per il resto ho sempre pensato che tecnicamente e tatticamente si può sempre migliorare, dipende solo da noi."

- Credete alla promozione in Serie D?
"Io sono convinto che ce la possiamo giocare, così come abbiamo fatto lo scorso anno. La promozione in Serie D non rappresentava l'obiettivo di inizio stagione, ma giorno dopo giorno abbiamo creato un bellissimo gruppo, abbiamo tanto entusiasmo e stiamo bene insieme. Adesso dobbiamo pensare partita dopo partita, provando a dare sempre il massimo, poi tra due mesi vedremo dove saremo."

- Quest'anno avete inserito in squadra anche alcuni giovani interessanti. Chi ti ha sorpreso di più fino ad ora?
"Sicuramente Ismaele Fosci e Jonathan Foglietta, entrambi classe 1999, che sono al primo anno con noi. Si stanno ritagliando il loro spazio giorno dopo giorno, sono entrati nel gruppo con molta umiltà, lavorano sempre forti, e fino ad ora si sono sempre fatti trovare pronti quando sono stati chiamati in causa."

- Tra le altre squadre del tuo girone invece chi ti ha impressionato di più?
"Oltre ai Wildcats, mi hanno fatto un'ottima impressione i ragazzi della Vuelle Pesaro B, e tra di loro soprattutto Kao contro il quale avevo giocato qualche anno fa ma che non ricordavo così forte."

Giuseppe Contigiani

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: