Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

Serie C Silver: i protagonisti del campionato, intervista a Matteo Ricci (Bramante Pesaro)

Tra le più belle realtà di questo campionato c'è il Bramante Pesaro squadra che ormai da due stagioni è composta in gran parte dal gruppo Under 20 della Victoria Libertas Pesaro con l'aggiunta di alcuni senior in grado di assicurare la giusta dose di esperienza. I ragazzi di coach Nicolini stanno disputando un ottimo campionato e nelle ultime settimane hanno mostrato evidenti segnali di crescita. Tra i giocatori più rappresentativi della squadra pesarese, c'è Matteo Ricci, playmaker classe 1995, fino ad ora autore di oltre 10 punti a partita.

- Ciao Matteo, siete reduci dalla convincente vittoria conquistata contro la Sutor Montegranaro.
"La vittoria è stata sicuramente molto importante, anche perchè fa il paio con quella conquistata nella gara di andata. In settimana avevamo preparato la partita molto bene, allenandoci sempre forti e concentrati, e la nostra prestazione è stata solo la conseguenza di tutto ciò. La vittoria ce la siamo meritata, ma la cosa che mi rende soddisfatto è stata la nostra prestazione."

- Nelle ultime tre partite avete battuto Fossombrone, Pisaurum e Montegranaro, tutte squadre che erano davanti a voi in classifica.
"Siamo in crescita ed il gruppo sta maturando settimana dopo settimana, e non poteva essere altrimenti vista la nostra età media. Dopo la pausa di fine anno abbiamo ripreso ad allenarci con un'altra mentalità rispetto ai primi mesi di stagioni. Lavoriamo in maniera più intensa sia tecnicamente che atleticamente, e la qualità dei nostri allenamenti sta iniziando a dare i suoi frutti."

- Domenica siete attesi da una delicata trasferta sul campo della Robur Osimo. Vincere vorrebbe dire fare un importante passo avanti verso i playoff. 
"Ci attende una trasferta molto difficile e nella quale dovremo prestare la massima attenzione. Loro non possono assolutamente perdere se vogliono continuare a sperare nei playoff, mentre per quello che ci riguarda vincere vorrebbe dire mettere 4 punti tra noi e loro, e soprattutto conquistare il 2-0 negli scontri diretti. Dovremo affrontare la partita con il massimo dell'attenzione e della concentrazione, cercando di evitare cali di tensione e pause durante i quaranta minuti."

- Siete una squadra molto giovane e per questo avete ancora ampi margini di crescita. In che cosa dovete ancora compiere un deciso passo in avanti?
"Dobbiamo ancora acquistare la consapevolezza che possiamo fare bene contro chiunque. Noi abbiamo le possibilità per giocarcela contro ogni squadra del campionato, ma dobbiamo ancora acquisire in noi stessi questa convinzione. Fa parte del processo di crescita di un gruppo giovane come il nostro."

- Quest'anno la società, d'accordo con la Vuelle, ha deciso di fare un unico gruppo di lavoro tra la Serie C e l'Under 20 in modo da ottimizzare tempi e lavoro, e questa scelta sembra iniziare a dare i suoi frutti.
"Le scelte fatte in estate ci stanno aiutando ad ottimizzare il lavoro settimanale. Ci alleniamo sempre in almeno quindici giocatori, e questo consente di mantenere sempre dei ritmi molto elevati, ma allo stesso tempo ognuno di noi ha anche la possibiità di recuperare e quindi di dare sempre il massimo. Siamo l'unica squadra del campionato che può giocare in dodici e questo ci da la possibilità di avere sempre livelli di intensità alti."

- Quale pensi possa essere il vostro obiettivo?
"Il nostro principale obiettivo deve essere quello della conquista dei playoff, provando a conquistare la migliore posizione possibile in classifica. Per ora dobbiamo solo pensare a partita dopo partita senza guardare troppo avanti, ma soprattutto dobbiamo rimanere con i piedi ben saldi per terra."

- Quale squadra è stata fino ad ora la sorpresa del campionato?
"Credo che la sorpresa di questa prima parte del campionato possiamo essere noi. Non pensavo potessimo fare un torneo positivo così come lo è stato fino ad ora. Un'altra squadra che rispetto allo scorso anno ha fatto un grande passo in avanti è stata Fossombrone  che in estate ha costruito una squadra molto forte e che fino ad ora ha fatto molto bene."

- Tra i ragazzi della vostra squadra chi è quello che fino ad ora ti ha impressionato di più?
"Sicuramente Edoardo Moretti. E' uno di quei giocatori che riesce sempre a dare il suo contributo, sa rendersi utile in diversi aspetti del gioco, ed ha un atteggiamento sempre positivo. E' un giocatore che ha tutte le carte in regola per poter ambire ad una categoria superiore."

- Ed invece tra i giocatori dell'intero campionato chi è quello che ti ha impressionato di più?
"Sicuramente Raul Cardenas della Vigor Matelica. Un giocatore straordinario, che non c'entra niente con questo livello. Non lo conoscevo ma mi ha davvero impressionato per le sue qualità."

Giuseppe Contigiani

 

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: