Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

D Regionale: Upr Montemarciano, coach Simoncioni "I playoff sono difficili, ma ci proveremo fino alla fine"

Questa settimana facciamo il punto della situazione in casa Montemarciano Basket con il coach Simone Simoncioni. Dopo la sconfitta subita sul campo del Basket Auximum Osimo, Novelli e compagni adesso sono distanti quattro punti dall'ottavo posto occupato dai Fochi Morrovalle. Raggiungere i playoff sarà un'impresa difficile, ma sicuramente non impossibile.

- Ciao Coach, partiamo con due parole sulla sconfitta che avete subito ad Osimo nell'ultima giornata.
"Abbiamo disputato una brutta partita, siamo subito andati sotto di una decina di punti che non siamo più stati in grado di recuperare. Per noi si trattava di una partita importante nella nostra rincorsa verso un posto valido per entrare nei playoff, ma purtroppo non siamo riusciti a mettere in campo quanto avevamo preparato."

- Fino ad ora il vostro più grande difetto è stata la mancanza di continuità. Quali sono state le cause principali di questi alti e bassi?
"E' vero non siamo mai stati in grado di avere una continuità di rendimento. Il motivo principale di tutto ciò sta nei tanti infortuni che non ci hanno permesso di lavorare nel migliore dei modi e che hanno condizionato le nostre prestazioni. Basti pensare che in estate avevamo costruito la squadra intorno a Norato, che si è infortunato nel corso della seconda amichevole prestagionale, dovendo saltare tutta la stagione. Non sono mai stato in grado di schierare lo stesso quintetto per più di due partite di fila, ed in questo modo è difficile allenarsi in maniera competitiva, così come trovare la giusta identità."

- Due settimane fa avete inserito nel vostro roster un giocatore del calibro di Alessandro Angeli. Come è nata l'idea del suo acquisto?
"Il contatto è nato per puro caso e tutto si è concluso in brevissimo tempo. Dopo i fatti della gara di San Severino che hanno portato alla squalifica di alcuni nostri giocatori, ci siamo trovati una situazione di assoluta emergenza, considerati anche i nostri soliti infortunati. per questo abbiamo avuto la necessità di inserire un nuovo giocatore che abbiamo trovato in Alessandro."

- L'ottavo posto dista adesso 4 punti ed anche se l'impresa è difficile non tutto è ancora perduto visto che dovrete ospitare proprio i Fochi Morrovalle che avete battuto a domicilio nella gara di andata.
"Noi abbiamo l'obbligo di continuare a crederci e di provarci finchè ce ne sarà la possibiità. Abbiamo bisogno di fiducia e di ricaricare le pile, ed anche se non possiamo più permetterci di compiere passi falsi, abbiamo ancora le possibilità di raggiungere l'ottavo posto."

- Fino ad ora è stato un campionato molto bello ed equilibrato. Te lo aspettavi?
"Lo scorso anno eravamo inseriti nel girone nord, ed osservando dal di fuori questo raggruppamento avevo avuto l'impressione che fosse più abbordabile. Ed invece non si è dimostrato affatto così, visto che ogni squadra ha due o tre giocatori di livello. E' vero che il campionato fino ad ora è stato molto incerto, ma si tratta di un equilibrio che tende verso l'alto e non verso un appiattimento dei valori."

- Qual'è la squadra che fino ad ora ti ha sorpreso di più?
"Sicuramente il Cab Stamura Ancona. E' una squadra giovanissima, ma nonostante ciò ha una sua identità ben precisa che in fin dei conti rappresenta la loro forza. Ogni giocatore è stato in grado di ritagliarsi il proprio spazio e di sentirsi importante, ma la cosa che più mi ha sorpreso è stata la loro continuità di rendimento."

- Ed invece quali giocatori ti hanno sorpreso per il loro rendimento?
"Da una parte sono rimasto sorpreso dai ragazzi del Cab Stamura Ancona che non pensavo potessero avere l'impatto ed il rendimento che invece hanno mostrato fino ad ora. Dall'altra parte sono rimasto stupito da quanto sono ancora in grado di fare tanti giocatori molto esperti come ad esempio Tortolini e Mazzella che giocano ancora con lo spirito di un ragazzino e riescono ancora a decidere le partite."

- Quali pensi possano essere le favorite per la promozione in Serie C?
"Io credo che Aesis Jesi e Pallacanestro Fermignano siano un passo avanti alle altre, anche perchè hanno i roster completi e profondi. Per me sono le favorite per il salto di categoria, anche se le sorprese sono sempre dietro l'angolo. Non vorrei ripetermi, ma terrei d'occhio il Cab Stamura Ancona che ha tutte le carte per fare strada, ma soprattutto può contare su una freschezza fisica che nei playoff, quando si gioca ogni tre giorni, può rivelarsi molto importante."

Giuseppe Contigiani

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: