Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

Serie C Silver: Pallacanestro Pedaso, coach Matteo Ionni " Playoff meritati, ma non dobbiamo accontentarci "

Dopo sei anni da viceallenatore, uno con Andrea Angelici e gli ultimi cinque con Luca Camarri, quest'estate coach Matteo Ionni ha avuto la sua chance di guidare lui stesso la prima squadra. Raccolta un'eredità sicuramente pesante e metabolizzate le partenze di alcune delle colonne della formazione degli ultimi anni, Ionni si è messo al lavoro e ha sfruttato appieno la chance concessagli dalla società, centrando con un turno di anticipo l'obiettivo stagionale: la qualificazione ai playoff.

Allora Matteo, ad inizio anno ti erano stati chiesti i playoff e playoff saranno, il tutto in un campionato di buon livello e al termine di una stagione in cui non sono di certo mancati ostacoli e difficoltà sul vostro cammino. Vada come vada la post season, la tua prima stagione da capoallenatore in Serie C andrà quindi in archivio con un segno sicuramente positivo...
Sì, siamo molto soddisfatti di aver centrato il traguardo che la società ci aveva dato fin da inizio anno e sappiamo tutti di aver dovuto affrontare delle situazioni che l'hanno reso tutt'altro che scontato. Obiettivo raggiunto, si, però adesso non dobbiamo accontentarci!

E' stata una stagione fatta anche di alti e bassi: c'è stato un momento in cui hai pensato che non ce l'avreste fatta?
Il campionato è stato caratterizzato fin dall'inizio da un grande equilibrio: abbiamo alternato periodi buoni ad altri meno buoni e forse nel girone di ritorno avremmo potuto raccogliere qualche punto in più. Ad eccezione della partita di Fossombrone, affrontata comunque in condizioni fisiche davvero difficili, siamo però sempre usciti a testa alta anche nelle sconfitte, togliendoci allo stesso tempo belle soddisfazioni contro avversari più blasonati di noi, come ad esempio Pisaurum, Sutor Montegranaro e Campetto Ancona.

L'aritmetica lascia aperte ancora diverse possibilità, ma in realtà è molto probabile che finirete sesti indipendentemente dal risultato di stasera. Questo significa che al primo turno vi toccherà una tra Fossombrone e Matelica. Quali sono secondo te i punti di forza e quelli deboli di entrambe?
Sia Fossombrone che Matelica sono squadre forti e attrezzate per stare ai vertici della classifica; per entrambe faccio fatica a trovare punti deboli. Più che pensare a chi dovremo affrontare, però, preferisco concentrarci su noi stessi: dobbiamo solamente fare in modo di giocare di squadra sia in attacco che in difesa per esprimere la nostra migliore pallacanestro e aumentare le nostre chances di vittoria.

L'anno scorso vi siete presentati ai playoff consapevoli della presenza di due corazzate (Civitanova e Fabriano), ma con le certezze maturate durante la striscia di 13 vittorie di fila e scalfite solo in parte dall'infortunio di Mosconi: quest'anno con che spirito approccerete la postseason?
Affronteremo questi playoff consapevoli che con l'umiltà e il sacrificio nulla è impossibile. Colgo l'occasione per ringraziare la società, che nei momenti di difficoltà non ci ha mai messo pressione, e soprattutto i ragazzi, che sono stati molto bravi a scendere sempre in campo con l'atteggiamento giusto. Nel complesso posso dire che ci siamo meritati questa qualificazione ai playoff e che adesso ci divertiremo molto nel giocarli.

Andrea Pedonesi

 

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: