Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

Serie A2 Playoff: gara 4, coach Ceccarelli " Volevamo chiudere la serie, grande merito ai ragazzi "

Continua a ripetere (più a se stesso che agli altri, forse) che la sua era una squadra costruita per la salvezza, quale neopromossa. Ma ormai – da abbondanti mesi a questa parte- non ci crede più nessuno. Battuta Biella per 3-1, i pensieri di Ceccarelli sono rivolti ai suoi ragazzi, che si sono guadagnati con il sangue questo ennesimo traguardo, ed a Trieste, con cui la squadra si confronterà per la terza volta dall’inizio del campionato, domenica prossima.

“I primi complimenti a Biella, società che sa programmare e che evidentemente viene da anni di esperienza ad alti campionati” esordisce Coach Gabriele Ceccarelli “Da una società come questa dovremmo prendere spunto per diventare lungimiranti, perché sono stati capaci di mettere in difficoltà me e il mio staff ogni partita. È stato cervellotico, perché ad ogni gara c’è stato un cambio di situazione.” Guardando ai propri meriti, invece, dice chiaro e tondo: “Volevamo chiudere questa serie per non dover tornare a Biella, volevamo chiuderla a gara 4 perché ci meritiamo il passaggio di turno, ci meritiamo altre partite, e se lo merita anche questo pubblico. Se lo meritano i ragazzi, perché nonostante gli alti e bassi è da settembre che lavorano; stiamo parlando di una squadra che ha vinto gara 1 fuori casa, producendo una buona pallacanestro a sprazzi, ma che ha dimostrato che quando si connette, quando c’è un obiettivo in comune, è difficile da arginare.”

Zoom su gara 4…
"Oggi la partita è stata vinta in difesa perché a metà tempo invece di essere +15 eravamo pari, e siamo ripartiti pensando di tenere l’avversario. Siamo andati giù con un cazzotto di Biella come un pugile cade a tappeto, ma prima che l’arbitro avesse contato 10 secondi ci siamo rialzati, sempre come un pugile, con le corde, perché ci siamo detti che non valeva la pena tornare a Biella."

Campogrande è sempre Campogrande…
"Campogrande ha fatto la stessa identica partita di gara 3 (ind. MVP dello scorso match), sia dal punto di vista offensivo che difensivo. Crescita comunque esponenziale dall’inizio dell’anno, soprattutto dal punto di vista della concentrazione. Ora è un giocatore abbastanza completo, che è stato in campo 30 minuti e che ci ha dato una grossa mano."

…e Amoroso?
"Amoroso ha messo dei canestri importanti della partita, ma gli altri canestri dentro l’area sono tutti frutto di una circolazione e di una lettura degli altri quattro, ma gli altri non hanno fermato la palla per prendersi il tiro, ma hanno guardato il vantaggio e sono andati dentro. Le ultime azioni di Amoroso, che sono quelle che sigillano la partita, sono la dimostrazione che questa squadra è un gruppo unito, che si cerca e che vuole vincere."

Quarti di finale a Trieste…
"Noi abbiamo solo da guadagnare."

Con Jesi fuori dai giochi, l’appuntamento per la pallacanestro marchigiana di serie A2 è per Domenica 13 Maggio all'Alma Arena, dove ad attendere i veregrensi ci sarà una Alma Trieste forte non solo di maggiori giornate di riposo, ma anche di un 3-0 messo in cassaforte a discapito di Treviglio.

Nicoletta Canapa

 

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: