Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

Serie A2 Playoff: gara 2, coach Ceccarelli " Sono orgoglioso di questa squadra, vogliamo prenderci gara 3 "

Queste le parole di coach Ceccarelli in sala stampa: “Avevo chiesto alla squadra più intensità perché 30’ in gara 1 non erano bastati. E mi hanno ascoltato. Dopo i primi 5’ nei quali forse pensavamo che Trieste potesse partire come in gara 1 ed invece ha dimostrato di voler azzannare la preda sanguinante, dopo quel 16-0 penso che nessuno si sarebbe aspettato di vincerla sulla sirena. Qui c’è uno staff e ci sono dei giocatori che odiano perdere, che non si accontentano mai, che raggiunti degli obiettivi puntano ancora più in alto. E questo ti permette, sotto di 16 sul campo della squadra migliore del campionato, di giocarti la partita e quasi di portarla via.

Orgoglio per questa squadra, orgoglio per questo staff che passa le notti tra gara 1 e gara 2 per prepararla al meglio. Sono un po’ scosso ma non perché pensavo di aver vinto la partita. Quando Green ha preso quel fallo ci siamo detti che forse era meglio così invece che sulla sirena, ma poi avevamo rimesso come volevamo, il tavolo ci aveva lasciato andare e invece dovendo rifare la rimessa non siamo riusciti a trovare la soluzione che volevamo. Abbiamo trovato tutto sommato un buon tiro. Powell pensava di avere ancora un secondo e visto che era marcato da Bowers ha scaricato per Maspero. Forse doveva tirare ma non gli do alcuna colpa: ha fatto una partita magnifica.

Questa squadra ha costruito nel corso dell’anno una mentalità tale che uno dei migliori giocatori del campionato per vincere una partita a Trieste se vede un ragazzo del ’98 più libero di lui gli passa la palla. Questa è una vittoria per me. Torniamo a casa sotto 0-2 solo ufficialmente, nel mio cuore siamo 1-1. Non molliamo, proveremo a partire un po’ meglio in gara 3, a prenderci qualche tiro libero in più visto che c’è una differenza abissale nell’ultimo quarto e c’erano Bowers e Da Ros con quattro falli”.

Ufficio Stampa Poderosa Pallacanestro Montegranaro

 

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: