Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

D Regionale: Basket Tolentino, coach Cervellini " Ci siamo meritati questa promozione, un grazie a squadra, staff e società "

Il Basket Tolentino torna in Serie C Silver dopo un solo anno di assenza e lo fa dopo aver battuto la Pallacanestro Acqualagna nello spareggio disputato sul campo neutro di Senigallia. E noi tracciamo un bilancio della stagione dei biancorossi insieme a coach Carlo Cervellini.

- Ciao Carlo, una stagione lunghissima terminata però nel migliore dei modi.
"E' stata una stagione molto lunga e dispendiosa sia dal punto di vista fisico che mentale, però è terminata nel migliore dei modi. Lo scorso anno era stato molto complicato anche per via di tutti i fatti accaduti fuori dal campo che avevano condizionato e non poco il nostro lavoro, e la società a fine campionato aveva scelto di fare un passo indietro e di ripartire dalla Serie D. Il primo obietivo che ci eravamo posti è sttao quello di riportare entusiamo e positività. Durante questo campionato non abbiamo mai avuto la pressione di dover vincere a tutti i cosi, ma dopo il girone di andata sapevamo di avere tutte le carte per potercela giocare fino alla fine."

- Lo spareggio contro Acqualagna è stata una partita durissima che allla fine siete riusciti a portare a casa con merito.
"Abbiamo battuto un avversario molto valido e forte. Mi aspettavo una partita strana anche perchè la pallacanestro che si gioca a Giugno è doversa da quella che si fa nel resto dell'anno. La stanchezza ed il caldo sono due fattori che non consentono di mettere in campo un'intensità continua per tutti i quaranta minuti. Abbiamo subito la loro partenza e ci siamo subito ritrovati sotto di dieci punti, poi dalla seconda metà del primo quarto e fino all'intervallo siamo venuti fuori molto bene, abbiamo subito recuperato lo svantaggio e siamo riusciti a costruire un vantaggio superiore ai dieci punti. Poi nel terzo quarto abbiamo di nuovo subito il gioco dei nostri avversari che hanno annullato il divario e da lì in poi è stata una partita molto equilibrata. Credo che ai fini della vittoria sia stata decisiva la nostra prova difensiva."

- Con un pizzico di fortuna in più forse avreste potuto spuntarla anche contro Fermignano.
"Bisogna essere onesti e riconoscere che i valori in campo erano molto chiari, basti pensare che in due partite Fermignano ci ha dato trenta punti in totale. Loro sono la squadra più forte della Serie D ed hanno assolutamente meritato la vittoria. Noi siamo stati bravissimi a portarla fino a gara 5 riuscendo a vincere le due partite in casa. L'unico rimpianto è forse riposto su gara 2, nella quale abbiamo avuto realmente le possibilità di vincere. Allo stesso tempo però voglio fare i miei complimenti al'Acqualagna ed a coach Renzi perchè nonostante fossero una neopromossa, alla fine si sono rivelati essere una delle migliori realtà del campionato."

- Qual è stato il momento più difficile della stagione?
"Nel girone di ritorno abbiamo perso alcune partite in casa come contro San Severino o contro il Cab Stamura, che ci hanno tolto delle certezze, soprattutto in attacco. La partita che abbiamo perso contro i giovani del Cab inoltre ci ha privati della possibilità di conquistare il primo posto, e questo sia stato il momento più duro del campionato."

- Ed invece quando hai iniziato veramente a capire che avreste potuto giocarvela fino alla fine?
"Durante i playoff abbiamo ritrovato tutta quella fiducia di cui avevamo bisogno. La partita che però ci ha sbloccato definitivamente è stata gara 3 della serie contro i Brown Sugar Fabriano, una partita nella quale i nostri avversari erano quasi i favoriti visto l'andamento delle prime due gare. In quell'occasione abbiamo disputato una grande partita ed abbiamo capito che ce la potevamo fare a conquistare la promozione."

- E per il prossimo anno cosa puoi anticiparci?
"Adesso godiamoci la vittoria e pensiamo a ricaricare un pò le pile. Sia io che la società siamo molto soddisfatti di quello che è stato il cammino di quest'anno. Non abbiamo ancora programmato nulla per il prossimo anno, ma nei prossimi giorni ci vedremo e vedremo cosa fare. Approfitto però di questo spazio, per ringraziare tutta la squadra, la società e soprattutto il mio staff. Tutti hanno dato il massimo e sono stati i protagonisti di questo bel risultato."

- A chi dedichi questa vittoria?
"Più che una dedica un omaggio ed un pensiero speciale va alla nostra Presidentessa Maria Cogoi, la sua presenza costante e generosità meritavano questa soddisfazione."

Giuseppe Contigiani

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: