Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

Serie B Nazionale: Il Campetto Ancona, Simone Centanni " Giocare per la propria città è un grande onore, non vedo l'ora di iniziare "

Uno dei tre volti nuovi del mercato de Il Campetto Ancona, è quello di Simone Centanni, esterno classe 1991, che dopo oltre dieci anni in giro per l'Italia, se si esclude una parentesi nella Stamura in Serie B nel 2013, tornerà a vestire la maglia di una squadra della sua città nativa. Dopo aver trascorso il settore giovanile con la maglia del Cab Stamura, Simone ha completato le giovanili nella Mens Sana Siena, per poi iniziare la sua carriera da senior a Castelletto Ticino in Serie A Dilettanti. Da li in avanti le esperienze a Senigallia, Recanati, Costa Volpino, Barcellona e Montecatini, dove risulta sempre essere tra i migliori marcatori e tra i giocatori di riferimento della squadra. Ed ora lo aspetta l'esperienza con l'ambizioso Il Campetto, pronto a riportare in alto l'Ancona del basket.

- Ciao Simone, sei felice di essere finalmente tornato a casa.
"Assolutamente sì, sono davvero molto contento di vestire la maglia della squadra della mia città. Fin da quando Il Campetto ha vinto lo spareggio ed è salito in Serie B, ho iniziato a sperare nella loro chiamata. Non avuto alcuna esitazione ad accettare la proposta che mi è stata fatta, ed ora sono già pronto e carico per iniziare questa nuova avventura."

- La prossima stagione giocherai con tuo fratello Filippo, hai già avuto altre esperienze insieme a lui in un campionato senior?
"Abbiamo giocato poche volte insieme qualche anno fa nell'ultima apparizione della Stamura in Serie B. Con lui c'è una grande intesa, anche perchè giochiamo spesso insieme durante l'estate. Sono davvero molto contento di poter affrontare questa esperienza con mio fratello, che negli ultimi anni è migliorato molto ed è reduce da un campionato molto positivo. Sono sicuro che ci divertiremo parecchio a giocare insieme."

- Com'è nato il contatto con Il Campetto?
"E' stata, come ti accennavo prima, una trattativa davvero molto veloce. Entrambi volevamo fortemente questo accordo, per cui siamo subito arrivati alla classica fumata bianca."

- La squadra appare una neopromossa solo sulla carta, vistoi i colpi di mercato messi a segno fin qui ed il roster che sta nascendo.
"Credo che stia nascendo un gruppo molto interessante. Innanzi tutto la società è stata molto brava a confermare il nucleo centrale del gruppo che lo scorso anno ha vinto il campionato, dando così continuità ad un progetto già iniziato. Molti dei ragazzi che sono stati confermati, inoltre, hanno già avuto diverse esperienze in Serie B, ed anche questo sarà importante. Poi sono stati inseriti tre innesti, il sottoscritto, Casagrande e Polonara, nei ruoli dove c'era maggiore bisogno. Tutto è stato fatto con grande velocità, segno che le idee ed i progetti sono molto chiari, e devo dire che già così il roster è completo in ogni ruolo."

- Al momento ben sei giocatori sono di Ancona, ed altri due provengono dalla vicina Senigallia. Quanto pensi possa essere importante difendere i colori della propria città e l'attaccamento al territorio?
"Sono sicuro che sarà un aspetto molto importante. Giocare per la propria città è un grande onore e ti fa trovare motivazioni extra, e ti da un grande senso di responsabilità. Poter portare in alto il nome della nostra città e del nostro territorio è molto stimolante. In squadra ci conosciamo praticamente tutti da sempre e questo ci aiuterà anche a costruire un gruppo solido e compatto. "

- Dopo diverse stagioni nel Nord Italia, se non ci saranno particolari sorprese nella composizione dei gironi, la prossima stagione conoscerai anche uno dei due gironi meridionali. Che cosa ti aspetti?
"Sicuramente giocheremo in dei campi molto caldi e dove il fattore campo sarà determinante, anche se devo dirti che nelle mie ultime esperienze in Toscana ho trovato degli ambienti niente male. Sarà con ogni probabilità un campionato molto difficile ed equilibrato, anche se oggi è impossibile fare previsioni visto che ancora non sono chiari nè la composizione dei gironi, nè i roster delle altre squadre. Sarà bello giocare tanti derby, anche perchè dalle prime mosse di mercato mi sembra che le squadre marchigiane possano essere ancora tra le protagoniste del prossimo campionato."

- Per chiudere, vuoi mandare un messaggio ai tuoi nuovi tifosi?
"Ovviamente li saluto e posso dire loro che daremo il massimo per la maglia della nostra città. Se avranno voglia di divertirsi, li invito a vedere le nostre partite e sono sicuro che potremo dare loro delle belle soddisfazioni."

Giuseppe Contigiani

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: