Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

Grande soddisfazione in casa Interamna Terni per la vittoria nel derby contro la Virtus

Il derby se lo è aggiudicato MERITATAMENTE l’Interamna. Commentare questo “particolare” incontro è molto difficile ma ci proviamo lo stesso. Quello che va sottolineato prima di ogni valutazione di parte è il grande fair play che ha “dominato dall’alto” la gara. Prima, durante e dopo l’incontro sugli spalti ed in campo; tanto che neanche sembrava un derby!!!! Il numeroso pubblico intervenuto ha fatto da degna cornice ad un incontro vissuto intensamente da entrambe le fazioni. Vogliamo segnalare, ma non perché si è vinto, la grande prestazione dei direttori di gara; i migliori in campo in assoluto: complimenti!!! I loro nomi PETRITAJ E FAZZINO.

Il Pubblico che non ti aspetti. Sicuramente in maggioranza quello sponda virtussina dovuto a tutto il settore giovanile richiamato a dovere per l’occasione, ma vi assicuriamo che quello di parte interamna non è stato da meno, anche numericamente. E si è fatto sentire!!!!! Il coach “Peppe” Sampalmieri in otto giorni ha bagnato un doppio esordio come guida dei draghi, prima in quel di Spoleto e poi nel derby: niente male!!! Se l’è cavata alla grande non c’è che dire. Due prestazioni super dei suoi ragazzi anche se c’è molto da lavorare ma il carattere che ha trasmesso ai suoi è quello giusto; siamo sulla buona strada. Il grande assente Werther Pigliafreddo alias 204 cm di muscoli ed esperienza al servizio di un gruppo “tuttoterni” che , però, per un infortunio al polpaccio che lo tormenta da un paio di settimane, non è potuto scendere in campo. Brutta tegola per il coach!

Il gruppo che nonostante i numerosi innesti ha mostrato di esserci, in tutto e per tutto. Soprattutto da parte degli “esclusi” di turno, ed infortunati, che sono stati sempre vicino ai propri compagni diventando di fatto il vero sesto uomo in campo. Un plauso va sicuramente al capitano Juon che ha raggiunto i compagni ad una manciata di secondi dall’inizio del match causa il forfait di Werther in riscaldamento. Grande Simo!!!! Gli ex che come tradizione vuole in ogni derby fanno la differenza. In questo caso in campo ce n’erano tre. Neanche a dirlo hanno fatto il diavolo a quattro pur di fare lo sgambetto agli amici rivali, ci sono riusciti sicuramente. Makkio con una difesa asfissiante su chiunque gli capitava a tiro; Longhi, classe 2001, che ha giocato con il piglio di un veterano fresco di trasferimento da una sponda all’altra.

Ma consentiteci di indicare in Navarra come il vero interprete della “legge dell’ex”. Autore di 16 punti miglior realizzatore dell’incontro, ha messo a segno dei canestri di una importanza eccezionale soprattutto in momenti di difficoltà della squadra. Di fatto se l’è caricata sulle spalle; insomma per un giovanotto del 1998 niente male. Federico c’è ancora da lavorare ma sei già nei nostri cuori. La gara come tutti i derby è vissuta di strappi continui ma con il comune denominatore che l’Interamna è stata sempre avanti nel punteggio, che con una tripla del citato Navarra nel quarto periodo ha raggiunto il massimo scarto di 12 lunghezze (54 a 42). Poi l’immediato ritorno della Virtus targato Van Wijngaardeen che riportava i suoi ad un pericoloso -3 (56 a 53) ma a quel punto i giocatori in campo, tutti, hanno patito non poco la stanchezza così il risultato finale di 63 a 56 ha giustamente premiato la formazione cara al Presidente Ciommei.

D’altronde anche i numeri, se interpretati, hanno sorriso ai colori gialloverdi infatti i draghi si sono aggiudicati tre tempi su quattro manifestando quella leggera supremazia di cui abbiamo accennato. Il mattatore dell’incontro, nonostante la superba prestazione del citato Navarra, è stato senza dubbio EMANUELE DANIELLI. In sostituzione del centro titolare Pigliafreddo ne ha fatto le veci in tutto e per tutto conquistando rimbalzi determinanti sia in difesa e soprattutto in attacco. Una vera spina nel fianco per i dirimpettai bianco verdi. Conclude la sua prestazione gioiello con ben 11 punti all’attivo e allo scadere del secondo periodo per poco non sigla una tripla che se portata a buon fine avrebbe fatto crollare l’intera cupola (già fatiscente tra l’altro). MAESTOSO!!!!!
Il prossimo incontro si chiama Basket Viterbo e si giocherà sempre in casa sabato prossimo 20 ottobre alle ore 21.15. Gli avversari hanno gli stessi punti della formazione ternana avendo espugnato Passignano e ceduto il passo alla formazione spoletina dell’Atomika. Con la speranza di recuperare le forze fisiche e mentali, nonché qualcuno degli infortunati, si aspettano conferme.

Interamna Terni - Virtus Basket Terni 63-56

Interamna: Danielli 10, Panunzi 1, Sebastiani, Dominici 9, Borsaro 12, Macchioni 3, Longhi, Alija 11, Navarra 15, Cantucci, Juon. All. Sampalmieri

Virtus: Parretta 7, Scodellaro ne, Picchiarati, Foiano 12, Finetti 3, Centonze, Van Wijngaardeen 13, Manuzzi, Rinaldi 14, Adeosun 7, Arra, Menicocci ne. All. Pasqualini

Parziali: 16-11, 19-15, 16-19, 12-11.
Progressivi: 16-11, 35-26, 51-45, 63-56
Usciti per 5 falli: nessuna

Arbitri: Petritaj e Fazzino

Ufficio Stampa Interamna Basket Terni

 

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: