Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

L'Aurora Jesi scende in campo a sostegno del progetto ''La Fattoria dei Sogni''

In occasione della prossima partita in casa con Bologna, l’Aurora Basket scenderà in campo a sostegno del progetto La Fattoria dei sogni, un’ iniziativa promossa da Selena Abatelli, conosciuta a Jesi per il suo impegno a favore della disabilità con la realizzazione del Dream Day, il progetto a sostegno della costruzione dei giochi per disabili nei parchi di jesi.Anche stavolta si parla di disabilità ma nell’ambito di un progetto più ampio: “L'idea è di realizzare una CITY Farm INCLUSIVA ossia una fattoria didattica in città, proprio a Jesi – spiega Selena - una fattoria che sia aperta a tutti: bambini, ragazzi normodotati e anche a chi può muoversi solo in carrozzina. Quindi una realtà priva di barriere”. Lo scopo principale sarà quello di poter svolgere attività assistite con gli animali, dove l'animale è il mediatore educativo utilizzato per ottenere un’interazione relazionale.Ci saranno quindi animali da cortile, cavalli, asini..tutti speciali e bisognosi di cure diverse.

“Abbiamo pensato che fosse importante essere vicini a questo progetto organizzando una raccolta fondi durante la partita e coinvolgendo anche un nostro sponsor per la realizzazione di un’iniziativa che vi sveleremo durante l’intervallo lungo” dice Paolo Rosati, responsabile dell’ufficio stampa arancio blu.

Tante le attività educative previste nell’ambito della nuova City Farm e tanti i soggetti coinvolti per la realizzazione di questo progetto che dovrebbe essere inaugurato all’inizio della prossima primavera.“Il prendersi cura dell'animale può davvero migliorare la qualità di vita delle persone, soprattutto se con disagi, favorendo il senso di responsabilità e migliorandone l’autostima, in alcuni casi si rivela oltremodo terapeutica a livello fisico ed emotivo” spiega Selena. Si pensi al caso di individui con problemi di articolazioni per cui spazzolare un cavallo può risultare un’attività salutare e a quelli che hanno difficoltà nell’istaurare relazioni con gli altri, per cui l’animale rappresenta un ottimo tramite. Non perdete quindi l’occasione di poter dare anche voi un piccolo contributo durante la partita di sabato prossimo, 27 ottobre, contro la Fortitudo Bologna, facendo una donazione.

Ufficio Stampa Aurora Basket Jesi

 

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: