Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

Upr Montemarciano, coach Luconi ''Disputata una partita intensa, decisiva la pressione difensiva''

L'Upr Montemarciano regola il Cab Stamura Ancona e conquista la seconda vittoria consecutiva, la prima interna della stagione. Queste le parole di coach David Luconi al termine della partita:

"Abbiamo disputato una partita di grande intensità consapevoli che il Cab Stamura si presentava a questa sfida con uno dei migliori attacchi del campionato a dimostrazione della qualità del loro roster. Eravamo pronti e abbiamo dimostrato di essere cresciuti molto sotto ogni punto di vista in queste ultime settimane nelle quali, almeno rispetto all'esordio contro il Montecchio, abbiamo recuperato due uomini importanti come Sebastianelli e Andrea Mosca che sta crescendo e aggiunge grande qualità al nostro roster proprio come accaduto anche contro il Cab quando in poco tempo ha prodotto offensivamente tantissimo."

- Quale aspetto è stato decisivo per lavostra vittoria?

"Abbiamo giocato un secondo quarto incredibile, direi ai limiti della perfezione segnando ben 33 punti ossia un'enormità cosa che non sempre può accadere ma che abbiamo saputo poi sfruttare al meglio nel resto della gara. A fare la differenza è stata la grande pressione difensiva e le ripartenze che ci hanno permesso di torvare soluzioni sia in contropiede che in transizione spaccando una partita che poi abbiamo gestito al meglio nel secondo tempo quando non ci siamo accontentati del vantaggio accumulato. Chiaro che le percentuali al tiro dalla lunga distanza facciano tutta la differenza e noi abbiamo tirato benissimo ma, i tiri sono arrivati puliti e grazie alla voglia di passarsi la palla di un gruppo nel quale la parola egoismo è stata bandita fin dai primi giorni e tutti giocano con grande altruismo."

- Nelle ultime settimane avete mostrato chiari segni di miglioramento, il che è anche normale visto che siete una squadra completamente nuova.

"La squadra cresce in allenamento e questo si vede in partita. Io sono molto esigente ma questa non è una novità e pretendo sempre molto dai miei giocatori che difensivamente devono essere perfetti senza mai calare di concentrazione. Sono soddisfatto di aver potuto utilizzare tutti e undici i giocatori a mia disposizione e del fatto che i punti si siano distribuiti al meglio con diversi che sono andati in doppia cifra. Ora ci attendono tante altre sfide complicate a partire da quella di Pesaro contro una squadra espertissima con giocatori di alto livello come Polveroni e Bernardini solo per citarne alcuni; dobbiamo ancora crescere molto senza abbassare mai la guardia."

Una squadra complessivamente giovane deve sempre voler il massimo da se stessa ed essere sempre molto esigente.

 

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: