Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

Le parole di Damiano Bellesi ''I miei 36 punti sono stati una soddisfazione, ma non sono serviti''

Uno dei protagonisti delle prime cinque giornate del campionato di Serie C Silver, è sicuramente Damiano Bellesi, esterno classe 1990 della Wispone Taurus Jesi, che al momento occupa la quarta posizione nella classifica marcatori con 17 punti di media a partita. Damiano è reduce dalla mostruosa prestazione nella gara contro il Basket Todi, persa solamente dopo due tempi supplementari, nella quale ha messo a segno la bellezza di 36 punti, finora la migliore prestazione individuale del girone.

- Ciao Damiano, partiamo dall'incredibile partita che avete perso contro Todi. Una gara che verrà sicuramente ricordata anche in futuro.
"E' stata una partita infinita. Fin dai primi minuti abbiamo giocato sia noi che loro con una grande intensità e ad alti ritmi. Noi eravamo più piccoli fisicamente e per questo dovevamo giocare ad alta velocità. Alla fine abbiamo pagato l'uscita per falli di tre giocatori per noi molto importanti, e purtroppo non siamo riusciti a portare a casa la gara."

- La tua prestazione con 36 punti realizzati è stata veramente incredibile. Sei soddisfatto?
"Naturalmente sono contento della mia prova, ma avrei preferito realizzare la metà dei punti ma portare a casa la vittoria. E' stata una bella soddisfazione mettere a segno 36 punti, ma purtroppo non sono serviti alla vittoria."

- In estate la squadra è stata profondamente rinnovata rispetto allo scorso anno. Nonostante questo e considerato il salto di categoria siete partiti subito forte. A che punto siete?
"Io penso che siamo una squadra che se la può giocare con tutti, come abbiamo dimostrato fino ad ora. Abbiamo molto entusiasmo e ci alleniamo molto bene, la voglia di fare non ci manca sicuramente. Siamo sostenuti da una splendida società che ci è sempre vicino, e che ha come obiettivo quello di divertirsi e di fare bene le cose."

- In cosa pensi che potete avere i maggiori margini di crescita?
"Siamo un roster lungo, tanto che ogni partita il coach fa giocare sempre undici o dodici giocatori. Penso che potremo fare un ulteriore salto in avanti nel momento in cui in nostri giovani assumeranno maggiore consapevolezza nei loro mezzi e faranno esperienza. Non dimentichiamo che almeno cinque dei nostri ragazzi sono alla prima esperienza in un campionato senior, per cui possono solo migliorare."

- Che campionato hai visto fino ad ora?
"Si tratta di un campionato molto equilibrato, nella quale tutti se la possono giocare con tutti. Anche le squadre umbre, che conoscevo meno rispetto alle altre, sono di ottimo livello e stanno facendo bene. In generale penso che fino alla fine tutto sarà in discussione, e che bisogna affrontare ogni impegno con la massima attenzione."

- E voi, anche alla luce di queste prime cinque partite, quale obiettivo pensi che potrete raggiungere?
"Il nostro primo obiettivo è quello di riuscire a vincere più partite possibili. Ci sono delle squadre che sono più attrezzate di noi, ma penso che i playoff possano essere alla nostra portata. Le nostre motivazioni el'entusiasmo che abbiamo possono darci la spinta per fare bene."

Foto di Roberta Candolfi pubblicata sulla pagina Facebook Taurus Basket Jesi

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: