Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

La Fortitudo Bologna non fa sconti, espugna il PalaSavelli e resta imbattuta

Imbattuta era e tale è rimasta la Fortitudo Bologna che mette il sigillo sul primo posto in classifica del girone est, volando a 16 punti. Adrenalina nell’aria in un Palasavelli da record, dove è andata in scena una delle partite più belle dall’inizio del campionato. La Fortitudo non è da sola, ma con sé ha al seguito oltre 600 tifosi. Cento persone, invece, non sono riuscite ad entrare al palas. Rosselli supera i veregrensi con una bomba sul 4/7 dopo 4 minuti di gioco, ma Corbett non ci sta e riporta la parità. Intanto Coach Martino è costretto a schierare Mancinelli (finora a marce tirate, con 17 di minutaggio in media), e dopo poco lo segue sul parquet Cinciarini, sostituendo un buon Hasbrouck per ossigenare un po’. Scambio alla pari quello fra la ferrea difesa gialloblu e l’attacco tecnico della Fortitudo.

Il secondo quarto si apre sul 15/15, e un’ampia rotazione bolognese mischia davvero le carte in tavola: si sapeva che lo staff bolognese sarebbe stato imprevedibile, e lo dimostra ampiamento facendo anche cambi in blocco (Pini-Rosselli per Leunen e Venuto su tutti). La Fortitudo prende il largo sul 22/28, grazie a una schiacciata di Mancinelli su palla recuperata, e una tripla di Cinciarini. Quando c’è bisogno di lui non si è mai tirato indietro, e Amoroso è noto per far sentire la sua presenza soprattutto nei momenti di difficoltà: sul 22/32 entra in campo il capitano e fra lui e Palermo da tre la Poderosa ritrova la giusta strada, limitando i danni a 30/34 per gli ospiti.

Palasavelli in visibilio con la tripla della rimonta di Amoroso (35/34). Palle perse come se piovesse fra le fila bolognesi, e la Poderosa non può non approfittarne con Mastellari che gode dell’assist di Amoroso (38/34). Si scaldano gli animi non solo sugli spalti, ma anche in panchina, con un richiamo preventivo per coach Martino. La Poderosa conferma il trend positivo con Mastellari e Traini da tre; ciliegina sulla torta un Simmons particolarmente feroce in stoppata (per lui 5 in tutto). Ma in un lampo la Fortitudo recupera con Venuto, che firma il punteggio della parità sul 44. Corbett e Cinciarini fanno il loro dovere ai liberi (2/2) ed è di nuovo parità. Rompe il ghiaccio un super Traini in serata, che segna il secondo ciaf da tre (49/46), come pure Hasbrouck, che invece non segna ai liberi (4/8 in tutto).

Treier segna da tre e subisce da Cinciarini, volato così a quattro falli: il giovane estone mette anche il libero e la Poderosa chiude il terzo quarto sul +6 (56/49). Corbett da tre, gli fa eco Hasbrouck sempre dalla lunetta più distante. Mancano quattro minuti alla fine del match, ed è tutto da rifare sul 65/66. Corbett segna indisturbato da due, ma a due minuti dalla fine la partita è ancora ampiamente aperta. Rossini da due (67/70) rende indispensabile il timeout. Simmons da sotto e poi Hasbrouck da tre (69/73) ed è ancora timeout di coach Pancotto. Corbett da sotto e Hausbrock ai liberi (2/2), ma Simmons sbaglia una tripla e non c’è più nulla da fare. Curva bolognese in tripudio per uno straordinario match che si è concluso 71/76.

Il campo ha parlato, ma il vincitore di oggi è il Palasavelli, che 365 giorni fa raccoglieva qualche macchia fra gli spalti e che oggi ha fatto sold out. Salutato calorosamente dagli ultras della Fossa anche Valerio Amoroso, che aveva indossato al casacca bianco blu appena prima di approdare alla Poderosa. Sconfitta per la seconda volta dall’inizio del campionato, la XL Extralight tornerà a giocare in casa anche la prossima settimana, contro la De’ Longhi Treviso.

XL Extralight Montegranaro - Lavoropiù Fortitudo Bologna 71-76 (15-15, 15-19, 26-15, 15-27)

XL Extralight Montegranaro
: Lamarshall Corbett 21 (4/7, 3/6), Martino Mastellari 12 (0/0, 4/9), Jeremy Simmons 11 (5/8, 0/1), Valerio Amoroso 9 (1/5, 2/6), Andrea Traini 6 (0/1, 2/5), Matteo Negri 5 (2/5, 0/1), Kaspar Treier 4 (0/0, 1/4), Matteo Palermo 3 (0/3, 1/3), Danilo Petrovic 0 (0/0, 0/0), Filippo Testa 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 8 / 13 - Rimbalzi: 25 7 + 18 (Jeremy Simmons 10) - Assist: 13 (Andrea Traini 5)

Lavoropiù Fortitudo Bologna
: Kenny Hasbrouck 20 (2/4, 4/8), Daniele Cinciarini 14 (4/4, 1/1), Matteo Fantinelli 12 (3/3, 0/1), Marco Venuto 12 (0/0, 4/4), Guido Rosselli 7 (2/3, 1/3), Giovanni Pini 4 (2/6, 0/0), Maarty Leunen 3 (0/0, 0/2), Andrea Benevelli 2 (1/3, 0/2), Stefano Mancinelli 2 (1/3, 0/1), Matteo Franco 0 (0/0, 0/0), Giacomo Sgorbati 0 (0/0, 0/0), Marco Prunotto 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 16 / 22 - Rimbalzi: 33 4 + 29 (Maarty Leunen 10) - Assist: 15 (Maarty Leunen 5)

Nicoletta Canapa

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: