Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

Poderosa Montegranaro, coach Pancotto ''Contro Treviso dovremo giocare con continuità''

L'Poderosa Montegranaro cerca il riscatto nella sfida interna contro il Treviso Basket in programma Domenica alle ore 18:00 al PalaSavelli. La presentazione del match nelle parole di coach Cesare Pancotto raccolte da Guido Cappella dell'Area di Comunicazione LNP.

“Abbiamo cercato di far capire alla squadra che stiamo facendo un percorso che non può avere scorciatoie: il percorso dell’esperienza, che si fa superando ostacoli e difficoltà. Dovremo essere cinici per saper vivere certi momenti della partita ma questo è strettamente legato all’esperienza. Dal passato dobbiamo portarci dietro la fiducia per affrontare il presente, che è la partita contro Treviso di domenica, ma tenendo a mente il futuro, che è il percorso che dovremo fare nei prossimi mesi. Treviso è una grande del campionato, una città che ha dato e dà tanto al basket e che con questa nuova realtà punta dichiaratamente alla Serie A.

Hanno un roster adeguato a farlo, profondo, esperto, talentuoso e con un allenatore bravo ed esperto. Hanno un giocatore NBA come Wayns e l’unico giocatore di A2 nel giro della Nazionale come Tessitori. Ma al di là di queste note, dovremo fare una partita di continuità, provando a crescere quarto dopo quarto, e di consistenza difensiva. Siamo la miglior difesa del campionato ma dobbiamo dimostrarlo ogni domenica, mentre in attacco dobbiamo trovare più equilibrio tra tiro da 2 e da 3 e concretizzare di più i tiri aperti che creiamo”.

 

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: