Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

Il Basket Fermo si aggiudica il derby contro la Victoria Fermo con un allungo nel finale

La TiEmme Basket Fermo vince con qualche difficoltà lo scontro cittadino con la Victoria Basket e guadagna altri due punti in classifica inanellando la terza vittoria consecutiva. Una partita non bellissima, come ogni derby che si rispetti, con molti errori da una parte e dall’altra e con la pessima notizia dell’infortunio di Mattia Cardarelli che speriamo si riprenda presto e nel migliore dei modi ma che contribuisce a rendere il roster di coach Marilungo sempre più esiguo. Forza Mattia siamo tutti con te.

Una partita non bellissima, dicevamo, iniziata male dalla TiEmme che nel primo quarto lascia quasi completamente trascurata la difesa. Questo consente a Belleggia di realizzare canestri quasi indisturbato sotto canestro: 16 dei suoi 24 punti personali li realizza solo nel primo quarto. Meno 11 al termine del primo periodo di gara che testimoniano la difficoltà iniziale della TiEmme. Ma la prima pausa breve consente di rimettere alcuni meccanismi difensivi nel verso giusto e l’ingresso in campo di Davide Mezzabotta, come successo qualche settimana fa, ridona alla TiEmme velocità e dinamicità nella manovra d’attacco. Il distacco viene recuperato e alla fine del primo tempo si va negli spogliatoi con un punteggio sostanzialmente di parità.

Il terzo periodo, ed anche il quarto a dire il vero (ed il secondo non è stato da meno), sono stati caratterizzati da una serie infinita di falli fischiati dagli arbitri soprattutto ai danni della Victoria che però non hanno portano un vantaggio di punti per la TiEmme: dei 39 tiri liberi concessi dagli arbitri solo 13 sono stati realizzati. 3 su 10 sono veramente pochi: e pensare che se Angeloni o Acquaroli, quelli che hanno subito più falli, avessero realizzato solo metà dei tiri dalla lunetta sbagliati avrebbero più di 20 punti a testa a referto. 

Marco Marilungo, in una intervista dell’altro ieri, diceva che il derby fermano è sentito di più dalla TiEmme che ha nove giocatori di Fermo che dalla Victoria che ne ha solo uno. Forse, allora, è stata la tensione del momento a deconcentrare alla lunetta i giocatori. Forse. Ma tant’è. Quello conta, in definitiva, è che nell’ultima frazione di gara i padroni di casa hanno mollato atleticamente e Meconi, Amelio, Santini (uno dei migliori in campo) e compagni hanno potuto allungare sul punteggio e concludere con 13 punti di vantaggio.

Altri due punti in classifica, quindi, che consentono alla TiEmme di scalare qualche posizione, di raggiungere la Pallacanestro Pedaso che perde in casa contro gli Amatori San Severino, e a posizionarsi a soli due punti dalla terza in classifica. Il campionato è ancora lungo ma la strada è quella giusta.

Victoria Fermo - Basket Fermo 55-68

Victoria Fermo: Verdecchia (cap.) 5, Maroni, D’Onofrio 2, Hoxha, Cinti 4, Pierantozzi, Pelacani 5, Marota 1, Mancini 6, Mastroianni, Ricci 8, Belleggia 24. All.re Pratesi, vice all.re D’Onofrio

TiEmme Basket Fermo: Poggi, Mezzabotta 9, Amelio 10, Santini 9, Cingolani, Luciani (cap.), Angeloni 12, Ceregioli, Acquaroli 14, Cardarelli 5, Meconi 9. All.re Marilungo, vice all.re Valentini.

Parziali: 28-17, 10-19, 13-17, 4-15.
Progressivi: 28-17, 38-36, 51-53, 55-68.

Tiri da 3 punti: Victoria 4, TiEmme 7
Falli: Victoria 26, TiEmme 25
Usciti per 5 falli: Mancini (Victoria)

Arbitri: Mengucci di Pesaro e Battino di Ancona

Francesco Sandroni
Ufficio Stampa asd Basket Fermo

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: