Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

Lo Janus Fabriano cade a Pescara ed interrompe la propria striscia positiva

Esce sconfitta dal PalaElettra di Pescara la Ristopro Fabriano nello scontro al vertice dell’11° giornata del Girone C della Serie B. Costretta ad inseguire per larghi tratti del match, cede a tre minuti dal termine sotto i colpi di Potì e Leonzio. Interrotta la striscia di quattro vittorie consecutive, finisce 84-75.

Era un match dall’alto tasso di difficoltà quello che attendeva la compagine di coach Fantozzi in questo weekend di campionato, e così s’è dimostrato. Quadrata, solita, cinica quanto basta l’Unibasket Pescara di coach Stefano Rajola, che ha saputo colpire a tre minuti dal termine con i suoi principali killers, Ennio Leonzio ed Alessandro Potì.

A Fabriano, d’altro canto, è mancata la continuità nell’arco del quaranta minuti per pensare di strappare ai padroni di casa il successo. A conti fatti la Janus non ha sfigurato, dimostrando di meritare la piazza che occupa nel serpentone del Girone C, la terza (a pari merito con Giulianova e Bisceglie, la seconda sconfitta a domicilio da Nardò stasera). Nel primo quarto la Ristopro ha sofferto l’asse Caverni-Capitanelli, con quest’ultimo troppe volte dimenticato dalla difesa biancoblù (Fabriano subirà 84 punti, tanti, troppi per pensare di espugnare il PalaElettra) e libero di appoggiare al tabellone. Dall’altre parte del campo è Jimmy Gatti a rispondere colpo su colpo a Pescara e tenere Fabriano aggrappata alla partita.

Il primo strappo è firmato da Micevic, che colpisce per due volte: con un ottimo utilizzo del piede perno trova un comodo lay up prima di bersagliare l’anello dai 6,75 metri (23-13 dopo 8’). La Ristopro risponde con la terza tripla di Nicolò Gatti e due appoggi, rispettivamente di Iba Thiam e Devid Cimarelli. In appena due minuti gli ospiti sono nuovamente ad inseguire di dieci lunghezze, Capitanelli sguazza nel pitturato ed i cartai in 13’ hanno già subito 34 punti! Obbligatorio alzare l’intensità, che accoppiata alla cara zona di coach Fantozzi permette ai biancoblù di tornare a contatto. Filiberto Dri registra la mira e dall’arco fa volare Fabriano, Bruno Ondo Mengue (in crescita ed utile in ampi momenti di partita) e Lorenzo Monacelli perfezionano il parziale.

Coach Rajola si rifugia nel minuto di sospensione, non basta: Filiberto Dri colpisce due volte dal perimetro e gli ospiti mettono il naso avanti, 43-44. Gli Dei del basket baciano una tripla di Potì che vola in cielo dopo aver toccato il primo ferro e chiudono il primo tempo sul 46-44. Thè caldo. Ai nastri Pescara si dimostra più pimpante, Potì, Micevic e Leonzio (sempre imbeccati dal metronomo Caverni) confezionano l’ennesimo parziale, il quale si protrarrà fin sulla sirena. L’attacco di Fabriano si incastra tra gli ingranaggi difensivi dei padroni di casa, bravi a costringere gli avversari a tiri difficili e spesso al limite dei 24” a disposizione.

Leonzio sale in cattedra, si carica la squadra sulle spalle e nella metà campo offensiva diventa una certezza per i suoi (chiuderà con 21 punti e 9 rimbalzi). Potì carica di falli i biancoblù che a cavallo tra le terza e l’ultima frazione hanno un colpo di reni con il solito Jimmy Gatti (top scorer del match con 26 a referto) ben assistito da Emiliano Paparella dall’arco. Pescara si rialza prontamente guidata da Potì e Leonzio, mattatori della serata. A due minuti dal termine Fabriano avrebbe ancora le energia per tornare a -6, con Ivan Morgillo a battersi sotto i tabelloni e raccogliere i cioccolatini di Emi Paparella. Game set and match sulla stoppata di Serafini al numero 9 (Morgillo) involato in campo aperto. Uno stop che arriva dopo un poker di vittorie consecutive. Sarà importante ricaricare le pile per preparare al meglio il difficilissimo match casalingo contro l’ancora imbattuta Cestistica San Severo, DAI FABRIANO!

Unibasket Amatori Pescara - Ristopro Fabriano 84-75 (25-18, 21-26, 15-12, 23-19)

Unibasket Amatori Pescara
: Ennio Leonzio 21 (4/6, 2/6), Alessandro Potì 20 (5/8, 2/7), Marko Micevic 17 (4/4, 2/3), Andrea Capitanelli 10 (5/6, 0/1), Alberto Serafini 7 (2/3, 0/1), Michele Caverni6 (3/6, 0/1), Gianluca Carpanzano 3 (0/2, 0/2), Luca D'eustachio 0 (0/0, 0/0), Domenico Fasciocco 0 (0/0, 0/0), Franceco Di donato 0 (0/0, 0/0), Federico Toro 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 20 / 25 - Rimbalzi: 35 7 + 28 (Ennio Leonzio, Alessandro Potì 9) - Assist: 19 (Michele Caverni 9)

Ristopro Fabriano
: Nicolò Gatti 26 (4/6, 3/4), Emiliano Paparella 14 (0/2, 4/10), Filiberto Dri 12 (0/4, 3/8), Ivan Morgillo 10 (4/6, 0/1), Iba koite Thiam 5 (2/5, 0/0), Bruno Ondo mengue 4 (1/2, 0/3), Lorenzo Monacelli 2 (1/5, 0/1), Devid Cimarelli 2 (1/3, 0/0), Niccolo Mencherini 0 (0/0, 0/0), Massimiliano Bordi 0 (0/0, 0/0), Elias Donati 0 (0/0, 0/0), Francesco Francavilla 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 19 / 24 - Rimbalzi: 31 10 + 21 (Ivan Morgillo 9) - Assist: 12 (Emiliano Paparella, Filiberto Dri 4)

Lorenzo Ciappelloni – Ufficio Stampa Janus Basket Fabriano

 

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: