Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

La Magic Basket Chieti cerca conferme sul campo del Pisaurum Pesaro

Pesaro, al pari di Varese e Cantù, è di sicuro una delle capitali elettive del basket italiano e volessimo fare un censimento, utile a elencare quanti giocatori abbia prodotto negli ultimi cinquant’anni la patria di Rossini, scopriremmo che nessuna altra città le può stare alla pari. Anche Chieti sin dagli albori del basket moderno, ha attinto a piene mani dal suo rigoglioso vivaio, potendo contare su giocatori importanti quali Adalberto Belli, Vittorio Renzoni e il capitano Alberto Filippetti, che fu capitano della grande e gloriosa Birra Moretti guidata da Boris Sinkovic. Questa vocazione, quasi religiosa, per la pallacanestro a Pesaro non è mai declinata e ancora oggi, pur non vivendo più delle agiatezze di un tempo, la città marchigiana continua a sfornare talenti in serie.

La Magic Chieti sabato prossimo avrà così modo di confrontarsi con alcuni di loro, che militano nella Pisaurum 2000 BK Club. Un confronto, questo, che vedrà di fronte forse le due squadre, insieme a Lanciano, che meglio si sono distinte nello scorso turno di campionato. Pesaresi corsari, contro ogni pronostico, a Fossombrone, dove sono stati capaci di concedere agli avversari la miseria di cinquanta punti. Merito indiscusso questo legato alla duttilità difensiva dei bianco-blu e alla sagacia tattica di un vecchio bucaniere delle minors, che risponde al nome di Maurizio Surico, una sorta di alter ego di coach Castorina, per bravura e … stempiatura, che ha saputo far crescere al meglio una squadra, senza stranieri e composta quasi interamente da ragazzi locali, sino al punto da renderla altamente “tossica” anche a quelle compagini, sulla carta, più blasonate.

“Pesaro è una squadra reduce da due importantissime e pesantissime vittorie contro Fossombrone e Matelica - dichiara a tale proposito Renato Castorina - successi che le hanno permesso di raggiungere una delle posizioni utili per playoff. È una squadra composta da uomini che conoscono molto bene questi campionati, uno tra tutti Cercolani, giocatore che conosciamo per averlo incontrato nella stagione scorsa quando militava nella Nova Campli. A questo si aggiunga la bravura e l’esperienza di coach Surico e si avranno gli esatti contorni delle difficoltà con le quali andremo a confrontarci”.

Attenzione quindi, la classifica non rende onore all’attuale qualità tecnica e tattica dei pesaresi, che dopo una ineludibile fase di rodaggio oggi valgono quanto e forse anche di più delle prime in classifica. Il già citato Matteo Cercolani, un classe ’94, cresciuto nelle giovanili della ex Scavolini Pesaro, è il regista della squadra, un giocatore al quale Surico rinuncia raramente durante la partita e che gli garantisce 15 punti di media a gara, quasi tutti guadagnati attaccando il canestro. Lo appoggia in fase di costruzione della manovra un giovane ventenne, Giona Sinatra, cresciuto nel Cattolica e prelevato in questa stagione dal Titano di S. Marino.

Un prospetto, questo molto interessante, che garantisce 13 punti a partita e tanta tanta intensità difensiva. Pisaurum completa poi il suo starting five con tre giocatori esperti quali l’ala piccola Francesco Alessandroni, pesarese d’origine e di formazione ma proveniente da Falconara, e due ali forti, al di sotto dei due metri d’altezza. che stazionano, alternandosi, sotto le plance, quali Eugenio Cecchini, prelevato dal Fossombrone, e Davide Vichi.

Dalla panca, pronti a dare il loro apporto, oltre all’esperienza della guardia Alessandro Chessa, tre giovanissimi, quali il play, classe 2000, Filippo Bacchiani, proveniente dalla Santarcangiolese, la guardia Giovanni Volpe e l’ala-pivot Giacomo Diotallevi. Una squadra, quindi, che sulla carta potrebbe soffrire la maggiore fisicità sotto canestro dei neroverdi ma che di sicuro potrà opporre gambe veloci, una grande attenzione difensiva e buone conoscenze tattiche di gioco. Non poco!

Sul versante Magic, dopo le ultime prestazioni è tornato a splendere un sole ridente ed è proprio coach Castorina a testimoniare questa ritrovata fiducia: “Per quanto riguarda noi, le ultime due vittorie ottenute in maniera netta e brillante ci fanno arrivare a questa partita nelle condizioni ottimali. Cercheremo in ogni modo di confermarci, portando via una vittoria che ci consentirebbe di consolidare la nostra buona posizione in classifica a tal punto da renderla eccellente”.

Appuntamento alle ore 18.00 di sabato 15 dicembre, quando, nella Palestra di Baia Flaminia di Pesaro, gli arbitri Francesco Mattioli di Potenza Picena (MC) e Gabriele Pedini di Perugia daranno il via alla gara. Come sempre, i tifosi neroverdi potranno seguire la partita attraverso il racconto in diretta streaming di Amos Tucci.

MAGIC CHIETI PRESS OFFICE MASSIMO RENELLA

 

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: