Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

Poderosa Montegranaro missione compiuta, Cagliari ko e finali di Coppa Italia conquistate

La XL EXTRALIGHT® ha scritto un altro capitolo della sua storia sul parquet del PalaPirastu. Dopo 30’ in apnea, i gialloblu sfoderano un quarto finale da grande squadra, strappano i due punti ad una orgogliosa Hertz Cagliari e non ha bisogno di aiuti dagli altri campi: è la vittoria che vale il quarto posto alla fine del girone di andata e quindi la qualificazione alla Coppa Italia di Serie A2 per la prima volta nella storia della società.

Onore ai padroni di casa, che hanno dimostrato di non valere l’ultimo posto solitario nella classifica del girone Est, ma alla lunga la voglia di prendersi un risultato strameritato per quanto fatto vedere in questa prima metà di stagione ha fatto la differenza. Grandi meriti a tutta la squadra, ma stasera l’uomo in più è stato senza dubbio Corbett: nell’ultimo periodo la guardia americana è salita in cattedra, portando a scuola tutta la difesa rossoblu e propiziando così l’allungo che ha poi deciso il match.

Come detto, però, la Hertz ha confermato i progressi delle ultime settimane e ha tenuto la Poderosa con la testa sott’acqua per gran parte del match. Dopo il 3-5 iniziale tutto firmato Negri, infatti, i sardi mettono alla frusta i gialloblu, prendendo possesso dell’area e schizzando così subito a +8 (15-7 al 7’) cavalcando la grande serata di Janelidze. La Poderosa si aggrappa alla sua difesa in una serata nella quale il canestro sembra piccolo piccolo, ma nel finale di secondo quarto i primi vagiti di Corbett e un canestro a fil di sirena di Simmons permettono ad Amoroso e compagni di andare all’intervallo lungo con un risicato quanto insperato vantaggio (33-35).

Al rientro dagli spogliatoi, però, l’aria non sembra davvero cambiata. Janelidze e Johnson comandano sotto canestro e un paio di lampi di Miles riportano la Dinamo Academy di nuovo a +7 (55-48 al 29’). Sembra davvero una serataccia per i veregrensi, ma il vento cambia nell’ultimo quarto. La tripla di Treier che apre il periodo sa di squillo di tromba, Palermo e Testa proseguono l’opera e di colpo Cagliari si blocca. La difesa gialloblu diventa impenetrabile e quando Corbett regala un cioccolatino in area a Treier che deve solo scartarlo la Poderosa è salita a +6 (59-65 a 6’ dalla sirena).

Ora la Hertz è alle corde e, fiutato l’odore di sangue, è Corbett ad azzannare la preda alla giugulare. Il pistolero gialloblu mette 9 punti in fila che tramortiscono, poi è il capitano, pur in una serata opaca, a mettere il sigillo con la tripla del +12 (67-79) con solo un paio di minuti da giocare. Cagliari ci prova col pressing a tutto campo, ma ormai è tardi.

La vittoria numero 11 su 15 gare, la settima su otto in trasferta, significa Coppa Italia: il 1° marzo al PalaSavelli la sfida sarà contro la Bergamo dell’ex Dario Zucca, che ha chiuso sorprendentemente prima il girone di andata ad Ovest. Ma per pensarci c’è ancora tempo, perché il campionato non si ferma mica: domenica si sale a Jesi per un derby che si annuncia più infuocato che mai.

Queste le parole di coach Pancotto nella sala stampa del PalaPirastu: «Il fatto che sia stata una partita difficile è stato l’elemento che ci ha permesso di fare quello scatto e di superare le difficoltà. Abbiamo subito l’energia, l’intraprendenza, la velocità, i tagli, i rimbalzi d’attacco per tutto il primo tempo, nonostante abbiamo chiuso avanti. Cagliari aveva più voglia di fare. Poi siamo stati bravi a cambiare faccia. Ho cercato di mescolare molto i quintetti per non dare punti di riferimento e per trovare la nostra miglior difesa, che è il nostro marchio di fabbrica e che è ancora più importante fuori casa.

Abbiamo cercato di proteggere l’area e di negare i tagli che arrivavano quando la palla andava vicino a canestro e ci siamo riusciti. In attacco, abbiamo migliorato le percentuali dal campo ma è stato importante essere bravi ai tiri liberi: fare 20/26 è un bottino importante fuori casa. Se siamo riusciti a vincere una partita difficile come questa, contro una ottima squadra come Cagliari cui faccio i complimenti, è perché siamo riusciti a crescere nel corso della gara».

HERTZ CAGLIARI - XL EXTRALIGHT® MONTEGRANARO 72-83

CAGLIARI
: Miles 12, Allegretti 2, Floridia ne, Rullo 16, Gallizzi, Rovatti 3, Matrone 1, Bucarelli 6, Johnson 11, Picarelli 1, Janelidze 20. All.: Iacozza.

MONTEGRANARO
: Treier 8, Testa 5, Mastellari, Simmons 16, Palermo 12, Petrovic 2, Negri 9, Corbett 24, Amoroso 3, Traini 4. All.: Pancotto.

PARZIALI
: 21-15, 12-20, 22-16, 17-32.

Ufficio Stampa Poderosa Pallacanestro Montegranaro

 

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: